Ultime news

A VOLTE RITORNANO … Ibrahim Babatunde

Daugavpils, affascinante città lettone sulle rive dell’omonimo fiume Daugava nella regione della Latgallia; è qui che è approdato il nigeriano Ibrahim Olalekan Babatunde, per i tifosi rossoneri semplicemente “Baba”. L’attaccante milita attualmente nell’FC Daugava formazione a suo modo di prestigio, vincitrice nel 2008 della coppa di Lettonia e nel 2012 del campionato, la cosiddetta “Virsliga”. Proprio la vittoria in campionato ha garantito agli azzurri la partecipazione ai preliminari di Champions League 2013/2014: partecipazione più coreografica che concreta quella dell’undici guidato dal tecnico Zemlinskis perché il Daugava nel doppio confronto contro gli svedesi dell’Elfsborg ha incassato sette gol nella sfida d’andata, in terra di Svezia, ed altri quattro al ritorno in patria; tuttavia proprio nella disastrosa sfida d’andata, terminata 7-1, Babatunde, entrato al decimo del secondo tempo, si è tolto una bella soddisfazione, mettendo a segno il primo storico gol della formazione lettone nella massima competizione continentale.

Un bottino non da poco per un calciatore che in Italia ha faticato a sfondare: cinque presenze con l’Arezzo, cinque con il Piacenza prima di intraprendere il suo giro d’Europa tra Belgio (Mons) e Malta (Msida ed Horsens). Poi l’approdo alla Nocerina, un campionato da protagonista in Serie D ed uno da comprimario in Seconda Divisione per poi abbandonare definitivamente il calcio italiano e riprendere a girovagare per il vecchio contenente, ripartendo dai maltesi del Bikirkara. Ma c’era qualcuno che ne aveva individuato il talento in anticipo; l’addetto stampa del Bitonto ebbe l’occasione di assistere alla miglior giornata in rossonero del calciatore nigeriano; Babatunde mise a segno addirittura una tripletta in quella sfida che seguiva il disgraziato k.o. interno contro il Pomigliano e, dopo la terza rete messa a segno dall’attaccante nativo di Lagos, il dirigente pugliese esclamò: “sembra Pelè”. Una definizione un po’ esagerata, probabilmente, ma a 29 anni Babatunde ha centrato il primo gol in carriera in Champions League e spera di tornare a calcare quel palcoscenico con il suo Daugava, attualmente terzo in classifica ad appena tre punti dalla capolista Skonto Riga ed in piena corsa per una qualificazione europea.

Filippo Attianese, ForzaNocerina.it

Back to top button