Ultime news

CHI SALE E CHI SCENDE: gli applausi dei tifosi meritano il podio

Termina con un secco 0-2 la prima gara ufficiale stagionale dei molossi. Contro un Pordenone maggiormente in palla e con qualche giorno di preparazione in più nelle gambe, i rossoneri salutano la competizione grazie ad un gol di Zubin, al 15′ del primo tempo, e di Zanardo, al 36′ della ripresa.

CHI SALE

Palma – Le qualità ci sono, e si vedono. Fa sentire la propria presenza con alcuni passaggi in profondità che avrebbero meritato miglior sorte, e si rende autore di una chiusura difensiva di pregevole fattura. In difficoltà nel reggere un centrocampo a due con un Hottor apparso non ancora al top della forma, anche perchè la piccola statura non gli consente ampi margini di manovra.

Cremaschi – Vale lo stesso discorso fatto per il compagno Palma. Buone le proposizioni offensive del giovane numero due ex Tritium, in evidenza già dai primi minuti. Buone giocate, condite con dribbling e sovrapposizioni puntuali. Sembra promettere bene.

Zubin – Autore del gol del vantaggio, sfrutta adeguatamente la momentanea amnesia difensiva di De Franco, tagliandolo fuori e spingendo comodamente il pallone alle spalle di Gragnianiello. Mix di qualità ed esperienza al servizio di una squadra che punta alla vittoria finale del torneo di Serie D.

CHI SCENDE

De Franco – Esce dal campo dopo circa quaranta minuti di gioco per una leggera infiammazione al nervo sciatico. Per lui giudizio negativo: ad incidere, un errore marchiano di cui si rende protagonista, che consente al Pordenone di portarsi in vantaggio.

Chimento – Serata con qualche grattacapo per lui, a causa delle continue incursioni di Paz e delle sovrapposizioni di Cremaschi che, in più di una occasione, gli sfuggono via. Fortuna che non ci siano state ripercussioni per i suoi compagni.

Nocerina Squadra ancora imballata e in difficoltà. Per i molossi tutte le attenuanti del caso, d’altronde con oggi si è conclusa la seconda settimana di preparazione. Tanti i giocatori approdati alla corte di mister Fontana, poco il tempo a disposizione per cercare di amalgamare il tutto. Recita un famoso detto “calcio d’Agosto non ti conosco”, e sarebbe irrispettoso esprimere già un giudizio in merito. La sensazione è che qualche individualità buona su cui lavorare ci sia, bisogna solo avere pazienza e qualche innesto giusto al posto giusto.

Nota a margine: ancora una volta, a meritare il podio assoluto è il pubblico rossonero, accorso in buon numero per questo primo assaggio della nuova stagione, nonostante caldo, periodo feriale e partenze programmate. Da mettere in risalto l’applauso di incitazione rivolto alla squadra, al triplice fischio dell’arbitro, segno di maturità, grande partecipazione e attaccamento.

Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it

 

Back to top button