Ultime news

FOCUS: difesa in difficoltà sulle palle alte. Danti che gol!

Pesante sconfitta per la Nocerina di Gaetano Fontana, battuta per 5-2 dal Pisa ora capolista in “condominio” con il Pontedera. Le marcature dei toscani portano la firma di Arma, autore di una doppietta (una la segnatura su calcio di rigore), Sampietro, Martella e Napoli. Per i molossi invece doppietta per Domenico Danti, all’esordio con la maglia rossonera, anch’egli in gol su rigore. Rivediamo insieme alcuni degli episodi che hanno condizionato la gara.

Pisa-Nocerina (Foto 1)

VANTAGGIO PISA. I padroni di casa passano in vantaggio al minuto 14’: punizione dai quaranta metri che arriva sulla sinistra a Martella, che fa rimbalzare la palla e crossa col sinistro al volo; al centro dell’area di rigore c’è Rachid Arma, che può saltare indisturbato e insaccare il pallone in rete per l’1-0 nerazzurro. Il numero 9 pisano riesce ad inserirsi perfettamente tra gli imbambolati De Franco e Hottor (sbaglia il tempo di intervento e non riesce a saltare).

Pisa-Nocerina (Foto 2)

RADDOPPIO. Il 2-0 arriva da un altro calcio di punizione, questa volta però la palla parte dalla fascia destra. Quarantaquattresimo minuto, Giuseppe Giovinco crossa al centro per Arma, il tempismo di De Franco nello spazzare di testa stavolta è buono, ma sulla respinta del centrale napoletano si avventa Sampietro, il quale intercetta la sfera al limite dell’area, tocca col destro e lascia partire un potente sinistro che trafigge Gragnaniello. Troppo lento Danti a chiudere il tiro al giocatore nerazzurro, ed c’è da segnalare la totale assenza di difendenti in quella zona dell’area di rigore.

Pisa-Nocerina (Foto 3)

L’ESPULSIONE. L’episodio che chiude definitivamente la gara arriva subito dopo il raddoppio pisano: il centrocampista della Nocerina Antonio Palma, al momento di riprendere il gioco, protesta con l’arbitro Guccini che lo ammonisce per la seconda volta, mandandolo così negli spogliatoi. Il gesto di stizza del giovane regista rossonero spezza definitivamente o quasi le gambe alla formazione campana che già sotto di due gol dovrà poi affrontare tutto il secondo tempo in inferiorità numerica.

Pisa-Nocerina (Foto 4)

TRIS. Nella ripresa è subito pericoloso il Pisa. Al 2′ accelerazione di Giovinco sulla fascia sinistra, il numero 10 nerazzurro entra in area, si prepara a crossare dal fondo ma De Franco lo anticipa toccando anche il pallone, per l’arbitro Guccini però lo fa in modo falloso e fischia il calcio di rigore. Dal dischetto va Arma che spiazza Gragnaniello e firma il 3-0 dei suoi. Desta più di un dubbio la decisione del fischietto appartenente alla sezione di Albano Laziale, perché De Franco tocca il pallone e la caduta di Giovinco sembra abbastanza accentuata.

Pisa-Nocerina (Foto 5)

EUROGOL. Al quarto d’ora della ripresa arriva il sussulto di orgoglio della Nocerina: lancio di Sabbione per Domenico Danti sulla fascia sinistra, che approfitta di una disattenzione della difesa dei toscani, lascia rimbalzare una volta la palla e sfodera il sinistro, gran tiro e pallone che si va ad infilare all’incrocio sul secondo palo. Euro goal per l’attaccante ex Reggina e Cosenza tra le altre, che sorprende completamente la retroguardia nerazzurra.

Pisa-Nocerina (Foto 6) Pisa-Nocerina (Foto 7)

IL PISA DILAGA. Non si fa attendere la risposta del Pisa: dopo appena tre minuti il neo entrato Aiman Napoli, ex Prato, crossa dall’out destro e serve Martella, marcato malissimo da Lepore, che colpisce di testa e batte un incolpevole Gragnaniello, per il 4-1 nerazzurro. Fontana dovrà decisamente lavorare su queste situazioni di gioco, perchè sui palloni alti la marcatura della Nocerina si fa trovare spesso impreparata. Da questo momento saltano tutti i già precari schemi difensivi dei  rossoneri. Prima Napoli sfiora il gol, dopo un ottimo cambio di gioco dei nerazzurri, poi la sfera arriva sui piedi dello stesso attaccante ex Prato, che tutto solo ha il tempo di stoppare e accentrarsi per provare una conclusione, facilmente disinnescata da Gragnaniello.

Pisa-Nocerina (Foto 8)

DOPPIETTA DI DANTI. L’orribile fase difensiva dei rossoneri, oggi in maglia gialla, provoca il quinto gol del Pisa: su calcio d’angolo dalla fascia destra questa volta Aiman Napoli fa centro, staccando di testa sul primo palo e battendo il numero 1 molosso. 5-1 il punteggio dell’Arena Garibaldi. Al 39′ ancora una decisione dell’arbitro Guccini che lascia perplessi: su azione di Hottor, che passa al centro per Danti, il portiere dei nerazzurri Pugliesi interviene sul pallone anticipando l’attaccante molosso, ma per il fischietto di Albano Laziale l’entrata sul calciatore molosso è da calcio di rigore. Dal dischetto va lo stesso numero 9 rossonero che rende meno pesante la sconfitta fissando il punteggio sul definitivo 5-2.

CONCLUSIONI. La prestazione dei ragazzi di Fontana risulta insufficiente. Se in attacco non si gioca male, con alcuni meccanismi abbastanza buoni, la fase difensiva va decisamente migliorata, perché gli avversari della Nocerina sono stati sistematicamente pericolosi sulle palle alte, specie sui calci piazzati, laddove la retroguardia molossa si è fatta trovare più volte impreparata.

Cartellino rosso all’arbitro Guccini: due rigori decisamente dubbi, un doppio giallo evitabile e la mancata espulsione di Pugliesi sul presunto fallo da rigore, essendo l’estremo difensore del Pisa ultimo uomo.

Marco Stile, ForzaNocerina.it

Back to top button