Ultime news

NOCERINA: Cinque giornate, tre punti

Tre i punti conquistati sul campo, tre i punti che hanno fanno da leitmotiv in questo primo mese di campionato:

1) Sempre in svantaggio: Eusepi, Pizza, Asante, Arma e Aurelio.

5 volte sotto, ma quasi sempre capaci, in un modo o nell’altro di reagire e di pervenire, magari, al pareggio. Colpiti a freddo più che per meriti degli avversari, per grossolani errori difensivi: il gol di Aurelio ne è l’esempio lampante.Trend assolutamente da invertire per avere un cammino più tranquillo in questo lungo campionato.

2) Gli schemi: Sin dal primo minuto con il Perugia si è avuto saggio di questa, forse non tanto gradita, novità.

Calcio d’inizio: 8 uomini sulla linea del centrocampo e 2 dietro e pronti a lanciare immediatamente l’azione, situazione che si è riproposta ogni volta che è stato necessario avviare il gioco, magari con qualche microscopica variante.

Calci da fermo: trenini, giocatori sparsi per l’area o concentrati in un fazzoletto di campo, finte sul pallone e battute a sorpresa: schemi spesso fantasiosi e studiati con dovizia nei particolari ma che non hanno sempre portato i frutti desiderati: unico acuto il gol di Evacuo alla prima giornata.

3) Gli arbitraggi: Insufficienti, fantascientifici, spesso aberranti.

Giudici di gara che spesso si sono erti a protagonista in gare già rese impari dallo spessore delle due rose che si confrontavano.

Episodi a sfavore: a Pisa rigore inventato ed espulsione assurda a Palma, a Viareggio gol ingiustamente annullato a Jogan, con il Frosinone mani galeotte e gestione errata dei cartellini…

Anche degli episodi a favore: un rigore col Perugia e uno con il Pisa, ma la sensazione è che la Nocerina abbia subito qualche

 

torto di troppo.

Alessio Fortino, ForzaNocerina.it

Back to top button