Ultime news

NOCERINA – ECLANESE 3-0, Il tris dei molossi scaccia la crisi

NOCERINA – ECLANESE 3-0

NOCERINA (4-4-2): D’Antuono; L. Ferrara (31′ pt Ferraioli), Trezza, Magliocca, Iommazzo; Adiletta, Della Femina, Galdi, Limatola; Santoriello (31′ st Guzzi), D’Ambrosio (41′ st Ferrara). (a disp. Milite, Arena, Senatore, Di Risp) All. Criscuolo.

ECLANESE (4-4-2): Truocchio; Bellofatto, Villacaro, Flammia, Memmolo; Buonfiglio (15′ st. Uva), Rupa (16′ st Vecchione), Squitieri, Crocetta (34’2t Penta); Brogna, Ruggiero. (a disp: Carbone, Salierno, Lelle, Cotugno) All. Iannuzzi.

Note: angoli 7-6; ammoniti: Santoriello (N), Della Femina (N); recuperi: pt 3 m, st 3 m.

Arbitro: Cagno di Napoli

Marcatori: 12′ pt D’Ambrosio(N), 23′ st Ferraioli (N), 35′ st Della Femina (N):

NOCERA INFERIORE. L’annus orribilis della Nocerina, forse il più nero della sua storia, si chiude in maniera positiva, con una larga vittoria, forse ancora di più di quanto visto in campo. I molossi hanno fatto la voce grossa contro un avversario che, prestazione alla mano, ha dimostrato di valere in pieno l’ultimo posto in classifica. Criscuolo schiera un 4-4-2 flessibile, pronto, infatti, a trasformarsi in 4-3-3 in fase offensiva. Limatola, infatti, va a comporre il tridente d’attacco in appoggio alle due punte: Santoriello e D’Ambrosio. Stesso modulo per Iannuzzi che deve rinunciare a Fattorusso e Curcio.

Primo tempo scialbo che si apre con la Nocerina che senza strafare, al 12′, trova già il vantaggio. Galdi recupera palla a centrocampo imbuca D’Ambrosio che entra in area e batte Truocchio in uscita. Il match scade ulteriormente di tono, la mediocrità degli ospiti è disarmante, i rossoneri pur giochicchiando non subiscono, in pratica, mai pericoli. Al 31′ esce l’infortunato Ferrara, al suo posto entra Ferraioli che si rivelerà decisivo nel secondo tempo, quest’ultimo si va a collocare a centrocampo, mentre tocca ad Adiletta retrocedere sulla linea difensiva. Al 34′ Limatola serve al limite dell’area Della Femina che spreca calciando alto. La risposta degli ospiti arriva soltanto al 37′ con una punizione ben calciata da Ruggiero che si perde di poco alta. Allo scadere brivido per la Nocerina che per poco non fa harakiri con D’Antuono. L’estremo difensore nocerino prima svirgola un facile pallone regalando il corner all’Eclanese e poi sugli sviluppi dello stesso esce a vuoto ma Crocetta di testa, a porta vuota, spedisce fuori.

Nel grigiore generale la ripresa si presenterà più piacevole della prima frazione, ravvivata più che altro sempre e solo dalla Nocerina. La prima occasione (l’unica per loro), tuttavia, spetta agli ospiti, col solito Ruggiero che, al 6′, calcia un’altra buona punizione che fa la barba alla traversa. Predominio sterile dei rossoneri, che mantengono solo il possesso palla, pertanto si deve arrivare al 23′ per assistere ad un’azione degna di nota che porta i padroni di casa a raddoppiare. Della Femina su punizione scodella al centro, colpo di testa di Santoriello che impegna severamente Truocchio, il quale respinge la palla sui piedi di Ferraioli che ribadisce in goal. Partita virtualmente chiusa, ospiti ormai ko, così al 30′ Iommazzo s’invola sulla sinistra, entra in area e calcia a botta sicura, Truocchio in disperata uscita gli nega la gioia del goal. Rete che arriva 5 minuti dopo con Della Femina, in un’azione quasi in fotocopia della precedente. Il centrocampista molosso recupera palla, parte in velocità, nessuno lo contrasta ed una volta in area fulmina il portiere eclanese con un preciso diagonale. Il match in pratica termina qui, tre punti importanti per quelli che sono i programmi societari e cioè la salvezza. Sentire, però, parlare di salvezza in campionato scadente come quello dell’Eccellenza, per una Nocerina dal passato glorioso fa veramente sensazione!

 Roberto Errante, ForzaNocerina.it

Back to top button