Ultime news

CENTOCINQUE: Auguri Nocerina!

A volte un fuoco sembra spento. Ma nascosto oltre alla coltre di cenere c’è un piccolo tizzone ancora ardente. Basta poco, anche un alito di vento, per dare vita a una nuova fiamma. Allora il rogo si alimenta e travolge tutto quello che trova e sviluppa un nuovo incendio, ancora più forte di quello precedente.

La Nocerina compie gli anni, centocinque anni. Quante squadre possono vantare di aver spento tutte queste candeline? Qualcuno festeggerà, sebbene si tratti di un compleanno atipico, triste, in sordina,. La squadra, o meglio ciò che ne resta, marcisce in un campionato mortificante, circondata da ragazzini che fanno quello che possono per onorarne il nome glorioso. Forse arrancano perché indossano una maglia pesante come poche, anzi nessuna, in categorie come queste.

Oggi la Nocerina è una realtà piccola piccola, che arranca tra mille sacrifici di quei pochi che ancora ci tengono, avanzando tra parametri a zero e percorsi a porte chiuse. Ma anche quando i cancelli vengono spalancati, i suoi tifosi fanno fatica a seguirla. Non perché non la amino più. Per molti è più difficile restare a casa che andare allo stadio. Le fiamme della passione rossonera giacciono nascoste sotto mortificazioni infinite e reiterate accuse infamanti.

Eppure, calcisticamente, le due Nocera sono solo in pausa. Negli occhi di tutti sono vivi i ricordi del San Francesco pieno e vibrante, della curva che canta, della porta che si gonfia, della Nocerina che lotta, si batte e vince. Centocinque anni vissuti tra sogni e lacrime, dolori e gioie, mortificazioni e soddisfazioni. Ora la mente è rivolta a un futuro che è ancora tutto da scrivere e che tornerà a essere glorioso. È l’ultracentenaria storia rossonera che ce lo insegna.

Francesco Belsito, ForzaNocerina.it

Back to top button