Ultime news

SANT’AGNELLO-NOCERINA 4-3. LE PAGELLE: Limatola spina nel fianco, Trezza tiene a galla la difesa

D’Antuono 6: Presto si rivolgerà a qualche maga dell’occulto. Ogni volta che arriva al Cerulli sono almeno due i rigori che gli vengono fischiati contro non per colpe sue. Due li intuisce, uno no, quando De Rosa la mette nel sette non può nulla.

Arena 6: Tiene bene al cospetto di Piacente, dal suo lato non si sfonda, rischia grosso quando gli si tura la vena e inizia a menare per caso.

Adiletta 5.5: Patisce di più del compagno perché Di Leva ha voglia, Schiavone si sovrappone e De Rosa si getta negli spazi.

D’Ambrosio 5: Impalpabile. La mediana è bassa e si corre solo a rintuzzare. Non appoggia né risce a braccare a dovere Sibilli che orchestra sempre il gioco degli avversari.

dal 7’st Santoriello 6: Entra e si batte come un toro. La doppia punta serve per aumentare la pericolosità e prendere campo anche perché Guzzi latita. Il picciotto si ricorda di giocare al Cerulli e timbra ancora il cartellino.

Trezza 6: Se Russo è costretto ad uscire dai blocchi il merito è anche suo. Rincorre il capitano anche sino a casa anche se di tanto in tanto è in ritardo con i tempi di chiusura.

Bove 5.5: Meno incisivo del compagno di reparto. Deve fare a sportellate con Pignalosa e difficilmente la becca. Discorso diverso quando si tratta di svettare di testa.

Ferraioli 5: Un classe ’98 che al Cerulli impara come non fare quando il vento non è dalla tua parte. Lo sciocco fallo di mano con cui consente al Sant’Agnello di mettere dentro il quarto gol meriterebbe il rosso per ingenuità.

dal 28’st Ferrara L. sv

Galdi 5.5: Tocca una miriade di palloni, ma spesso appoggiandoli all’indietro. I costieri sono altissimi in campo, ma la palla dietro la linea non ci arriva mai. Irruento quando tocca quel po’ che basta Di Leva per indurre Angelucci a concedere il rigore.

Guzzi 5: In pratica chi lo ha visto. Sebbene il Sant’Agnello becchi tre gol lui non entra nel vivo del gioco e rende semplice il compito per Di Donna e Micallo.

dal 37’st Zambrano sv.

Della Femina 5.5: E’ l’ex. Rimpianto o no? A questa domanda possono rispondere solo i dirigenti del Sant’Agnello. Lui si veste da incantatore di serpenti e mette la sfera sotto alla barriera lasciando di cera Napolitano. Quando il ritmo si alza, lui arranca.

Limatola 6: Punge e pizzica le corde giuste. Rientra e cerca la profondità. Si guadagna il rigore e lo trasforma. La spina nel fianco.

Criscuolo 6: Non può insegnare come evitare interventi sciocchi. Quando li commette un ragazzino può anche passare, quando lo zampino lo mettono i grandi no. La Nocerina resiste ancora una volta un tempo in costiera, ma dimostra di essere tosta e caparbia.

Jose Astarita, ForzaNocerina.it

Back to top button