Ultime news

VERSO LA B. GELA-NOCERINA 2-1: Nocerina svagata, il Gela ne approfitta

Gela – Nocerina 2-1

Gela (4-4-2): Nordi; Petrassi, Cossentino, Cardinale, Porcaro; Piano (12’ st Avantaggiato), Scopelliti, Zaminga (39’ st Rabbeni), Bigazzi (32’ st Aliperta); Docente, Cunzi. A disp.: Maraglino, Crivello, Italiano, Saani. All.: Ammirata.

Nocerina (3-4-3): Amabile; Riccio, Pomante (29’ st Filosa), Carrieri; Scalise, Marsili, De Martino, Pepe; Petrilli, Galizia, Cavallaro. A disp.: Chinchio, Servi, De Franco, Bolzan, Bruno, De Liguori. All.: Auteri.

Marcatori: 2’ pt Galizia (N), 46’ pt Scopelliti (G), 28’ st Cunzi (G).

Note: Spettatori 1500 circa di cui 50 dalle due Nocera. Angoli: 4-1 per il Gela. Rec.: 1’ pt ; 1’ st.

 

Quarta sconfitta stagionale in campionato per la Nocerina che al Presti di Gela cede di misura ai padroni di casa; i molossi fanno la partita nella prima frazione ma mollano la presa nella ripresa quando le motivazioni maggiori dei siciliani fanno la differenza. Formazione assai rimaneggiata per Auteri: il tecnico di Floridia regala il debutto in campionato a Riccio, Pepe ed Amabile ed inserisce dal primo minuto anche De Martino che aveva disputato solo scampoli di match in campionato; in avanti conferma per il tridente composto da Petrilli, Galizia e Cavallaro. Il Gela, invece, si affida al miglior undici possibile: in avanti manca D’Anna, sostituito da Cunzi; fuori anche l’infortunato Carbonaro; Ammirata schiera il consueto 4-4-2, inserendo il trequartista Bigazzi sulla linea dei centrocampisti nel ruolo di esterno sinistro.

I rossoneri di Auteri partono fortissimo e trovano immediatamente il vantaggio; apertura panoramica di De Martino per Pepe: cross morbido che trova pronto al centro dell’area di rigore Galizia che insacca di testa sorprendendo l’incerto Nordi. La reazione del Gela stenta ad arrivare: la Nocerina, senza preoccupazioni di classifica, manovra con tranquillità palla a terra, mandando spesso in tilt la retroguardia gelese. I padroni di casa riescono a rendersi pericolosi solo al ventesimo quando Docente, servito da Porcaro direttamente da fallo laterale, prova a liberarsi al tiro, spaventando Amabile. Molto più ficcante la manovra dei molossi che poco dopo pungono con una conclusione da fuori di Petrilli che finisce di poco alta. Il Gela si sveglia a metà della prima frazione: su azione d’angolo Porcaro impegna severamente Amabile, bravo a sventare la minaccia. Nel finale di frazione il match si riaccende: Bigazzi ci prova da fuori ma non centra il bersaglio; Pepe, dalla lunga distanza, stampa il suo destro sul palo. Ma proprio allo scadere del primo tempo arriva il pari del Gela: Cunzi batte dalla bandierina, Scopelliti incorna di testa a centro area e beffa Amabile.

La ripresa si apre col Gela ancora proiettato in attacco: è Cunzi ad impensierire dopo appena un minuto Amabile che respinge la conclusione ravvicinata; passano pochi minuti ed è lo stesso Cunzi a provarci pericolosamente dal limite: il suo tiro finisce di un soffio a lato. I padroni di casa sembrano più convinti: in contropiede Docente chiama ancora all’intervento l’estremo difensore rossonero. Il Gela continua a fare la partita, la Nocerina resta un po’ a guardare; inevitabilmente arriva il vantaggio dei padroni di casa: bella azione in velocità dei siciliani con Docente che lancia in profondità Bigazzi; assist pronto per l’accorrente Cunzi che insacca. Manca un quarto d’ora al termine ma la Nocerina non ha più la forza di premere; il Gela controlla il match fino al termine e mantiene il prezioso vantaggio che avvicina gli uomini di Ammirata alla salvezza.

Filippo Attianese. Cronache del Mezzogiorno 09-05-2011

Back to top button