Ultime news

ASG NOCERINA, Cronaca di una morte annunciata

Cronaca di una morte annunciata. Il comunicato ufficiale emesso nel pomeriggio dall’amministratore unico Silvio Cuofano ha confermato quanto anticipato nelle scorse settimane: l’Asg Nocerina, la storica società rossonera che appena quattro anni fa calcava i campi della Serie B, non prenderà parte al prossimo torneo di Eccellenza. Un finale inevitabile, a prescindere dagli improbabili tentativi di salvare il salvabile effettuati negli ultimi mesi. Impossibile pensare di poter tappare le falle che si erano aperte a più riprese nello scafo rossonero; assurdo pensare di poter continuare a tenere in vita una società spacciata, braccata su più fronti dalla giustizia sportiva, appesantita da debiti con l’erario e con i fornitori. Una società che già nella scorsa stagione si era trascinata fino alla salvezza, tra qualche scatto d’orgoglio e una serie di storiche umiliazioni, e che quest’anno rischiava di replicare la farsa messa in scena dopo la duplice retrocessione per i fatti di Salerno.

Una farsa che ha assunto risvolti ancora più assurdi negli ultimi mesi: prima è arrivato il comunicato riguardante la messa in liquidazione, pubblicato a fine campionato, poi l’improvviso ripensamento, con il comunicato che annunciava la volontà di iscrivere il club, datato 27 Giugno. Ed a grottesco corollario l’assurda ipotesi di un ripescaggio in Serie D, palesata dai soliti beninformati. Una commedia ridicola, su cui, si spera, sia finalmente calato il sipario. Per ora il comunicato emesso dall’Asg ha ufficializzato la rinuncia all’iscrizione al Torneo d’Eccellenza; ci sarebbe ancora tempo, però, per iscrivere la squadra a campionati minori: l’ultimo termine a disposizione sarà quello del 30 Ottobre per l’iscrizione in Terza Categoria. Si tratterebbe dell’ennesima umiliazione. Anche perché l’iscrizione tra i dilettanti servirebbe solo a rimandare l’inevitabile finale: l’Asg Nocerina sarà messa in liquidazione; la speranza è che ciò accada prima di infangare ancora di più il vessillo rossonero.

 

Filippo Attianese, Forzanocerina.it

Back to top button