Ultime news

HERAJON, CARMINE QUAGLIA: “Saranno i rossoneri la squadra da battere”

Nonostante l’evidente differenza di categoria, buone le indicazioni emerse dall’amichevole contro il Città di Nocera per Carmine Quaglia, tecnico dell’Herajon: “Abbiamo cominciato la preparazione da pochi giorni, per cui non avrei potuto chiedere altro ai miei ragazzi – esordisce – Considerando anche che di fronte avevamo la Nocerina, che ha evidenziato tutte le proprie qualità tecniche, siamo riusciti a reggere fisicamente per una buona parte del primo tempo, poi le gambe non giravano più a dovere”. Rossoneri che hanno ben impressionato il trainer ospite, che li indica come seri candidati alla vittoria finale del torneo di Eccellenza: “Ho avuto un’impressione più che positiva – ammette – D’altronde i molossi possono vantare calciatori come Marcucci, Lordi, lo stesso Carotenuto che qualche stagione fa giocava all’Agropoli. Sono loro, a mio avviso, la squadra da battere”. Non sarà facile, però, vista la concorrenza agguerrita del Sant’Agnello: “A fare la differenza sarà la presenza di giocatori che conoscono la categoria in maniera approfondita – precisa – C’è un netto divario con la Lega Pro: lì occorre una certa abilità tecnica, oltre che fisica, tra i dilettanti, invece, conta l’esperienza, oltre che saper indovinare gli under giusti”. Ed è proprio in tema di under che si sviluppa la politica della società di Capaccio: “Il nostro obiettivo è quello di fare un buon percorso, valorizzando i giovani che abbiamo nel nostro grande settore giovanile – dichiara – Quello che, poi, dirà il campo sarà tutto di guadagnato, ma di sicuro ciò che non manca è il progetto”.

Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it

Back to top button