Ultime news

SARNESE-CITTA’ DI NOCERA 1-1: Ianniello risponde a Majella, finisce in parità allo Squitieri

SARNESE (4-3-3): Sorrentino (31’st Baietti); Gabbiano (25’st Viscovo), Pastore (22’st Catalano), Miccichè (25’st Imparato), Liccardi (22’st Riccio); Fontanarosa (25’st Balzano), Ianniello (22’st Nasto), Tortora; Savarese (5’st Iovene), Simonetti, Di Palma. A disp. Di Capua, Salvato, Aufiero. All. Esposito G.

CITTA’ DI NOCERA (4-4-2): Amabile (1’st Sorriso); Picardi (1’st Mozzillo), Cacace, Cuomo (1’st Criscuolo), Fonzino (1’st De Angelis); Ferrentino (1’st Santoro, 32’st Ferraioli), Iuliano (1’st Lettieri), Di Pietro (1’st Vitolo), Ciotti (1’st Scibilia); Marcucci (24’st Dell’Arciprete), Majella (1’st Carotenuto). All. Esposito P.

Reti: 8’pt Majella (CN), 24’ st Ianniello (S)

Finisce 1-1 l’amichevole disputata questo pomeriggio allo stadio Squitieri di Sarno tra Sarnese e Città di Nocera. A Majella, a segno nel primo tempo, risponde Ianniello nella ripresa. Padroni di casa schierati dal mister Gianluca Esposito, ex difensore della Nocerina nella stagione di C2 2005/06, con un 4-3-3 che prevede in attacco altri due ex rossoneri: la punta centrale Simonetti e l’esterno Di Palma, protagonisti con la Berretti allenata da Miccio due stagioni fa. A centrocampo detta le danze l’espertissimo Ianniello, con il resto della formazione dall’età media piuttosto bassa, che affronterà il prossimo campionato di serie D con l’obiettivo della salvezza. L’altro Esposito sulla panchina rossonera manda in campo Amabile tra i pali, difesa composta da Cuomo e Cacace al centro, con gli under Picardi e Fonzino sugli esterni. In mediana Ferrentino, Iuliano, Di Pietro ed il giovanissimo Ciotti. Marcucci e Majella sono le due punte. Indisponibile Lordi per un problema alla caviglia. Al primo affondo passa in vantaggio il Città di Nocera: Iuliano all’8’ ruba palla a centrocampo, avanza una ventina di metri prima di servire un assist al bacio per Majella che con un comodo pallonetto batte Sorrentino in uscita. Il centrocampista nocerino, oggi ispirato seppur a volte troppo innamorato della sfera, si ripete tre minuti dopo questa volta a servizio di Ferrentino, che di testa spedisce di poco a lato. La Sarnese si vede per la prima volta al 16’ con una botta dalla distanza di Fontanarosa, abbondantemente alta. Passa un minuto ed è Simonetti in girata volante a chiamare Amabile alla presa plastica. La gara è condizionata del caldo e da ritmi di preparazione che si fanno sempre più serrati con l’avvicinarsi delle prime sfide ufficiali, a discapito della fluidità di manovra. Dopo uno slalom di Iuliano concluso con un passaggio corto per Marcucci, anticipato in presa bassa dal portiere Sorrentino, si rende di nuovo pericolosa la Sarnese alla mezzora con una punizione a giro di Ianniello, deviata in angolo da Amabile. L’ultima occasione del primo tempo è di marca sarnese con un’iniziativa di Di Palma sulla sinistra, assist per Savarese su cui respinge Amabile e conclusione altissima di Ianniello sulla ribattuta.

Nella ripresa il tecnico rossonero Pasquale Esposito rivoluziona la squadra mandando in campo Sorriso, Mozzillo, De Angelis, Criscuolo, Lettieri, Santoro, Vitolo, Scibilia e Carotenuto, mentre la Sarnese non effettua inizialmente cambi. Il nuovo arrivato Sorriso si fa subito notare smanacciando un colpo di testa di Savarese, mentre al 5’ è il rossonero Carotenuto dalla distanza ad impegnare severamente Sorrentino. Ci prova poi Scibilia con un’azione personale sulla sinistra, conclusa con un destro a giro deviato in angolo dal portiere. Il pari della Sarnese arriva al 24’ con un’apparentemente innocuo tiro dalla distanza di Ianniello, deviato alle spalle di Sorriso da una deviazione della difesa rossonera. Oltre quella climatica, si alza anche la temperatura del nervosismo in campo, con un brutto fallo del sarnese Imparato su De Angelis, che porta all’allontanamento del neo-entrato calciatore di casa, cui fa seguito quattro minuti dopo un analogo intervento di Catalano su Ferraioli; il che consiglia al direttore di gara di mandare le squadre negli spogliatoi con circa dieci minuti di anticipo.

Salvatore Alfano, ForzaNocerina.it

Back to top button