Ultime news

VIRTUS VOLLA, CHIETTI: “Nocerina, quanti ricordi!”

Stagione nefasta, quella 2002-03, per la Nocerina che, avvelenata da polemiche, tensioni e forti spaccature, vide sfumare l’obiettivo della promozione in Serie C1 ai Play-Off contro il Catanzaro, nonostante una rosa di altissimo profilo allestita in sede di calciomercato. Tra i tanti protagonisti arrivati da categorie superiori vi era anche un giovane Francesco Chietti, che con i molossi collezionò ben 25 apparizioni ufficiali: “Ho ricordi bellissimi di quell’annata, perchè eravamo una squadra costruita per vincere – esordisce l’attuale tecnico della Virtus Volla, formazione di Eccellenza, girone A, che ha sfidato i rossoneri in amichevole – Peccato per come è andata, purtroppo trovammo un Foggia stratosferico che vinse, poi, il campionato”. Si sa, Nocera non è mai stata notoriamente una piazza tranquilla sotto il profilo delle pressioni ambientali che, insieme ad alcune problematiche intestine sorte a stagione in corso, contribuirono al mancato salto di categoria: “All’epoca vi erano alcune criticità dal punto di vista della tranquillità – ammette – Nocera è una realtà molto esigente, come giusto che sia. Erano poi periodi diversi, in cui il calcio era vissuto in maniera differente, probabilmente più passionale. Ricordo ancora, ad esempio, una notturna che giocammo in diretta Rai con un pubblico spettacolare, con oltre diecimila persone sugli spalti”. Da allora i rossoneri hanno conosciuto periodi di alti e bassi, come la storia insegna, dalla D alla B, sprofondando, successivamente, in Eccellenza: “Fa male vedere certe realtà campane in categorie come questa – dichiara – Purtroppo la crisi economica ha avuto i propri effetti negativi anche sul calcio, portando alla scomparsa di squadre storiche. Per questo penso che, ora come ora, l’importante sia esserci, indipendentemente da tutto”. Anche la Virtus Volla, dopo i recenti fasti della doppia Coppa Italia di categoria consecutiva vinta negli ultimi due anni, sembra aver accusato il colpo: “Stiamo stilando un programma basato realmente sui giovani, accompagnati da tre, quattro esperti a fare loro da chioccia – precisa – Il nostro obiettivo sarà quello di cercare di valorizzarli, creando una struttura fortemente aziendale, con lo scopo di girarli a realtà di categorie superiore. Il calcio non è più oggi, è necessario pensare al domani”. Città di Nocera che, invece, è pronta a raccogliere l’eredità storica della Nocerina, puntando a vincere il torneo di Eccellenza e porre le basi per un futuro roseo: “I nomi a questa squadra non mancano di certo, anzi – conclude – Bisogna avere forti motivazioni ed andare in campo per dimostrare il proprio valore. Ma di questo ne sono certo, Esposito sa come trasmettere certi valori. Mi auguro che i molossi vincano il campionato, perchè sono stato a Nocera, e ancora oggi sono legatissimo alla maglia. E’ stato un grande onore per me poterla indossare”.

Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it

Back to top button