Ultime news

VALDIANO, la carica di capitan Giordano: “Venderemo cara la pelle!”

“Il Città di Nocera è una squadra incredibilmente forte, di cui conosciamo a fondo le potenzialità, ma noi, come ogni domenica, daremo il massimo, nonostante i nostri limiti”. Suona la carica, alla viglia della gara contro i rossoneri, il capitano del Valdiano Antonio Giordano.

ROSSOBLU A CACCIA DI RISCATTO e chiamati ad una necessaria inversione di tendenza rispetto all’andamento delle prime sei giornate. Tre i punti raccolti finora, penultimo posto in coabitazione con il Castel San Giorgio, e ultima piazza distante appena due lunghezze: “Non sarà la classica passeggiata per gli uomini di Esposito” – assicura il difensore – “ma una partita maschia, agonisticamente parlando, in cui venderemo cara la pelle. Veniamo da un inizio non facile, e spesso abbiamo racimolato molto meno rispetto a quanto seminato. Abbiamo tanta grinta e voglia di riscatto. Rispettiamo i molossi, ma non temiamo nessuno e ce la giocheremo a viso aperto”.

QUALCHE DUBBIO DI FORMAZIONE PER MOREA arrivato dopo l’esonero di Masullo e il dietrofront di Gigi Vastola, mancato ex di giornata: “Prima giocavamo speculando molto sulle caratteristiche dei nostri avversari, Morea ci ha chiesto di cambiare mentalità. Lui in campo è uno che dà tutto e vuole che facciamo altrettanto. Giustamente senza la giusta cattiveria, soprattutto quando devi salvarti, non vai da nessuna parte. Però permettetemi anche di spendere due parole per Masullo. Mi dispiace per lui che, come spesso accade quando i risultati non arrivano, ha pagato per tutti. Ora, tuttavia, è tempo di guardare oltre, sperando che Morea, bandiera del Valdiano, faccia bene e ci aiuti in questa ardua scalata”.

GRINTA E DETERMINAZIONE, LA RICETTA DEL CAPITANO PER USCIRE DALLA CRISI. L’impresa è ardua ma Giordano non si abbatte: “Non me lo posso permettere, sono il capitano di questa squadra, una guida soprattutto per i più giovani. Attraversiamo un momento difficile ma il campionato è ancora lungo e c’è tutto il tempo per recuperare, a patto di riacquistare quanto prima sicurezza e consapevolezza dei nostri mezzi, cercando di commettere meno passi falsi possibile. La migliore medicina in queste situazioni, si sa, è fare punti. Certo domani non sarà facile ma abbiamo l’obbligo di provarci. Come si fermano i rossoneri? Coprendo bene tutti gli spazi e provando a tenerli quanto più lontani possibile dalla nostra area di rigore. In campo aperto, nell’uno contro uno, sono micidiali perché hanno fantasia, tanta qualità e concretezza. Servirà la partita perfetta e un pizzico di fortuna”.

Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it

Back to top button