Ultime news

NOCERINA, Carannante e Ferraro: “nessuna illusione, sarà un torneo di sofferenza”

Parte ufficialmente il nuovo corso rossonero targato Bruno Iovino, con programmi decisamente ridimensionati rispetto al recente passato. Il duplice obiettivo, secondo quanto ripetuto dal dirigente irpino, sarà quello di ripianare da un lato le pendenze economiche ereditate dalla precedente gestione societaria e dall’altro salvaguardare con ogni mezzo la categoria. A dover realizzare l’arduo compito il duo Ferraro-Carannante, rispettivamente diesse ed allenatore, presentati ufficialmente questa sera al PalaCoscioni al cospetto di una nutrita schiera di tifosi e giornalisti.

PARLA FERRARO. “E’ un onore essere qui, in una delle piazze storiche della Campania – esordisce il neo direttore sportivo Felicio Ferraro – Da sempre il valore aggiunto di questa squadra sono i tifosi, ed è per questo che ho accettato l’incarico, ben conscio tuttavia delle tante difficoltà disseminate lungo il cammino. Servirà l’aiuto di tutti per poter andare avanti in una situazione del genere – prosegue – non c’è un presidente facoltoso a guidare la barca, per questo è importante che al nostro fianco ci siano tante persone desiderose di darci una mano. Noi, dal canto nostro, faremo di tutto per onorare una maglia così pesante e blasonata”.

OBIETTIVO SALVEZZA. A fargli eco un visibilmente emozionato Roberto Carannante, ex tecnico, tra le tante, di Campobasso, Gladiator e Turris: “Non voglio fare proclami – chiosa – questo è un progetto stimolante per me, il mio staff ed i calciatori che arriveranno, tuttavia abbiamo importanti paletti stabiliti dal budget a disposizione che limitano i nostri spazi di manovra”. A cosa punterà quindi l’organico che verrà allestito? “Senza dubbio ad una salvezza, anche se dovremo fare i salti mortali per poterla raggiungere – puntualizza – l’importante è che ci sia unità di intenti e voglia di soffrire tutti insieme. Non amo fare proclami, né vendere sogni o facili illusioni. Senza una vera convergenza delle parti in causa tutto rischia di diventare più complesso”.

Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it

Back to top button