Ultime news

ROCCELLA-NOCERINA 1-2: rossoneri inarrestabili, Simonetti e Ruggiero piegano i calabresi

ROCCELLA (4-3-3): Scuffia; Cordova, Strumbo, Catalano, Rondinelli (61’ Tassone), Vuletic (46’ Sicurella), Voltasio, Di Cuonzo, Faella (73’ Santoro), Kargbo, Gattabria. A disp.: Spano, Osei, Filippone, Santoro, Braglia, Riitano, De Luca. All. Loccisano.

NOCERINA (3-5-2): Feola, Vuolo, Salto, Pecora (84’ De Feo), Caso, Festa (73’ Vatiero), Odierna, Ruggiero, Simonetti (89’ Orlando), Giorgio (61’ Cioffi), Cardone. A disp.: Novelli, Accardo, Capaccio, Di Martino, Iodice. All. Viscido.

MARCATORI: 35’ Simonetti (N), 47’ Ruggiero (N), 90+3’ Santoro (R).

ARBITRO: sig. Gullotta di Siracusa. Assistenti: Spina di Palermo e Danese di Trapani.

NOTE: pomeriggio soleggiato. Ammoniti: Pecora (N), Cardone (N), Catalano (R), Kargbo (R). Calci d’angolo: 4-1. Recupero: 1’ pt; 6’ st. Spettatori: cinquecento circa.

Terza vittoria in trasferta e settimo risultato utile consecutivo per la Nocerina, che batte il Roccella per due a uno allo stadio “Ninetto Muscolo”. Protagonisti di un’ottima prestazione, i rossoneri si portano in vantaggio al 35’ con Simonetti, per poi raddoppiare in apertura di ripresa con una punizione magistrale di Ruggiero. Nel finale, il Roccella riapre i giochi grazie a Santoro, ma per il pareggio è ormai troppo tardi.

IL ROCCELLA PARTE A RAZZO, MA E’ LA NOCERINA A PASSARE IN VANTAGGIO. La Nocerina arriva a Roccella senza timore e consapevole di poter portare a casa un risultato positivo. Lo è altrettanto il trainer molosso Viscido, che conferma l’undici titolare sceso in campo nelle ultime giornate. Il Roccella, invece, cerca di venir fuori da una preoccupante crisi di risultati schierandosi con un offensivo 4-3-3. L’avvio di gara vede i calabresi sin da subito aggressivi, senza tuttavia creare grandi pericoli per gli ospiti. La prima minaccia, infatti, dalle parti di Feola arriva solo al 18’. Kargbo serve in profondità Faella che, lanciato verso la porta, viene murato dal portiere rossonero al momento della conclusione. Sugli sviluppi del conseguente corner, Pecora si immola su un tiro a botta sicura dal limite dell’area. Seppur in difficoltà, la Nocerina controbatte quattro minuti dopo con un colpo di testa di Giorgio da buona posizione che termina largo. L’occasione capitata al numero dieci molosso dà fiducia agli uomini di Viscido, che iniziano a guadagnare campo con il passare dei minuti. Quando il vantaggio è ormai nell’aria, arriva al 35’ la rete di Felice Simonetti che, in piena area di rigore, trafigge un incolpevole Scuffia. Il gol dell’uno a zero tramortisce il Roccella, incapace di reagire e di rendersi pericoloso negli ultimi minuti del primo tempo.

RUGGIERO RADDOPPIA, POI SANTORO ACCORCIA IN PIENO RECUPERO. La ripresa inizia nel migliore dei modi per la Nocerina, che trova il raddoppio dopo appena due minuti. Stavolta, il mattatore è Giuseppe Ruggiero, che con una punizione magistrale non dà scampo al portiere avversario. Forti della seconda rete, i rossoneri cercano di amministrare il match senza alzare eccessivamente i ritmi. Il Roccella, però, non ha alcuna intenzione di mollare, e lo dimostra al 61’ con un tiro insidioso di Gattabria, che viene parato prontamente da un attento Feola. I molossi non si lasciano intimidire dalla reazione degli avversari e, dieci minuti dopo, vanno vicini anche al terzo gol. Cardone imbecca perfettamente Cioffi, che si invola verso la porta e prova la conclusione. Il suo tiro, però, termina debolmente tra le braccia di Scuffia. E’ questa l’ultima occasione per gli uomini di Viscido, con l’ultimo quarto d’ora di gara totalmente di marca casalinga. All’80’, al termine di una bellissima azione, Gattabria calcia in porta a botta sicura, ma si imbatte in una prodigiosa deviazione sulla linea da parte di Pecora. Nonostante l’inserimento di forze fresche in campo, la Nocerina è in apnea, non riesce a più a ripartire, e incassa il gol al terzo dei sei minuti di recupero assegnati dall’arbitro. La rete che accorcia le distanze è del neo entrato Santoro che, approfittando di una mischia furibonda, deposita il pallone in porta. Galvanizzati dal gol, i granata si gettano all’assalto del pareggio, divorato un minuto dopo da Sicurella che, da pochi passi, colpisce il pallone di testa e lo manda sopra la traversa. La chance fallita dall’attaccante di casa è l’ultimo brivido per la Nocerina che, al triplice fischio dell’arbitro, può gioire per altri tre punti pesantissimi.

Vincenzo Ciancio, ForzaNocerina.it

Back to top button