Ultime news

A Rotonda il trionfo della nocerinità

“VIVE IMMORTALE LA NOCERINITÀ” è lo striscione che da ormai tre anni fa bella mostra di sé sulla recinzione della Curva Sud dello Stadio San Francesco. Un concetto chiaro, forte, e, forse, mai come quest’anno, questa fede è stata duramente messa alla prova, uscendone a testa sempre altissima e con la speranza di poter guardare al futuro con un pizzico di ottimismo in più.

LA FASCIA DI CAPITANO A MONTUORI. Ma la nocerinità è anche senso di appartenenza e ieri, allo stadio “Vulcano” di Castelluccio Inferiore, in una partita al cardiopalma che ha visto la Nocerina battere 3-2 il Rotonda in rimonta e raggiungere la fatidica quota 40 punti, gli esempi di nocerinità non sono mancati. A partire da Massimiliano Montuori, ventiduenne difensore voluto fortemente in rossonero da Bruno Iovino, che, lavorando a testa bassa, giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento, ha atteso in silenzio il suo momento e dopo aver saggiato l’onore di indossare la fascia di capitano per 3 minuti nella disfatta di Troina, l’ha vestita ieri pomeriggio per l’intera gara contro i lucani. Come un vero molosso, non ha mai tirato indietro il piede combattendo su ogni pallone. Al triplice fischio è risultato tra i migliori in campo.

LA NOCERINA DEI NOCERINI, DA TIPALDI A NOVELLI PASSANDO PER FERRAIOLI. Nocerino è anche Emanuele Tipaldi, che non ha mai lesinato impegno da quando è arrivato in rossonero, nonostante lo scarso utilizzo. Ieri, entrato in campo sul risultato di 2-0, ha messo forza mentale e fisica nella gara incidendo non poco sulla rimonta salvezza dei rossoneri. Nota di merito anche per Vincenzo Ferraioli, oriundo anche lui, che, arrivato alla Nocerina da pochissime settimane, praticamente a stagione ormai conclusa, si è sempre fatto trovare pronto ogni qualvolta è stato chiamato in causa. Così come Rocco Novelli, altro nocerino doc, il quale, anche se con qualche incertezza, forse dovuta proprio al suo grande attaccamento a questi colori, e con il sentimento di grande responsabilità che ne consegue, ha dimostrato di indossare questa maglia con grande orgoglio.

IL NOCERINO NICOLAO A CACCIA DELLA SALVEZZA CON IL ROTONDA. Una strana coincidenza ha voluto che ieri pomeriggio “, dall’altra parte, tra le fila del Rotonda, ci fosse un altro nocerino a indossare la fascia di capitano. Quel Giuseppe Nicolao, esterno scuola Napoli, più volte accostato ai colori rossoneri e che oggi va a caccia di una difficile salvezza con la maglia dei lucani.

“Quant’è bella giovinezza, che si fugge tuttavia! chi vuol esser lieto, sia: di doman non c’è certezza…” scriveva Lorenzo il Magnifico ne la “Canzona di Bacco”, e in attesa di notizie certe sul domani rossonero la Nocerina può godersi la sua giovinezza. Una stagione travagliata ma con un finale dolce, ha portato in primavera a Nocera e al suo popolo, qualche affascinante fiore da coltivare.

S. Russo, ForzaNocerina.it

Back to top button