Ultime news

Suicidio Nocerina, l’Agropoli compie la rimonta e vince quattro a due

AGROPOLI 4

NOCERINA 2

AGROPOLI: Sanchez; Garofalo, Leonetti, Numerato, Bonfini, Sgambati, Camarà, Acunzo, Sollazzo (87′ Guida), Agate (54′ Semati), Cozzolino. A disp.: Selva, Costa, Cuomo, Doto, Alvaro, Siciliano, Orefice. All. Gianluca Procopio.

NOCERINA: Leone; De Siena, Calvanese, Landri (67′ Conte), Mannone, Ciampi, D’Anna, Poziello, Sorgente (84′ Carrafiello), Liurni, Festa (57′ Lava). A disp.: Scolavino, Corcione, Fortunato, Romano, Matrone, Cavallaro. All. Marcello Esposito.

MARCATORI: 7′ Poziello (N), 21′ Liurni (N), 40′ e 46′ Agate (A), 70′ Camarà (A), 73′ Semati (A).

ARBITRO: sig. Domenico Mirabella di Napoli. Assistenti: Colaianni di Bari e Fedeli di Lecce.

NOTE: pomeriggio piovoso. Ammoniti: Garofalo (A), Sorgente (N), Sollazzo (A), Leone (N), Ciampi (N). Espulso Calvanese (N) al 90+3′. Calci d’angolo: 5-3. Recupero: 1′ pt, 5′ st. Spettatori: trecento circa.

AGROPOLI. Bruttissima sconfitta per la Nocerina, che al “Guariglia” si butta via e perde per quattro a due contro l’Agropoli. Dopo essere stati in vantaggio di due reti grazie ai gol di Poziello e Liurni, i rossoneri si addormentano e subiscono la rimonta dei padroni di casa. A decidere la sfida in favore dei cilentani ci pensano Agate con una doppietta, Camarà e Semati.

UNO DUE TERRIBILE DEI MOLOSSI, L’AGROPOLI RIAPRE I GIOCHI CON AGATE. Una Nocerina orfana di Iannini e in piena emergenza a centrocampo, va a far visita all’Agropoli con un 3-5-2 che vede il rientro nell’undici titolare di Festa e Poziello. In attacco, confermata la coppia Sorgente-Liurni. I padroni di casa, invece, giocano col consueto e offensivo 4-2-3-1. Pronti via e la Nocerina passa subito in vantaggio. Al 7′ Liurni effettua un cross basso dalla bandierina su cui si avventa Poziello, che come un rapace trafigge Sanchez anticipandolo sul primo palo. Il gol degli ospiti non tramortisce più di tanto l’Agropoli, che prova a riversarsi immediatamente nell’area avversaria. Al 19′ gli sforzi dei cilentani sembrano essere premiati con un gol di Camarà, che però viene annullato per fuorigioco. I molossi rispondono due minuti dopo, e lo fanno trovando il raddoppio. Liurni aggancia un pallone giunto dalle retrovie, approfitta di uno svarione della difesa avversaria, si invola verso la porta e batte a rete con un piattone forte e preciso. L’Agropoli accusa il colpo e riesce a rendersi pericoloso solamente allo scoccare della mezzora. Agate mette in mezzo un pallone invitante per Sollazzo, che però sbaglia la mira a pochi metri da Leone. La palla gol creata rinvigorisce l’Agropoli, che guadagna metri e crea apprensione nella difesa molossa fino a trovare la rete che riapre la sfida. Cozzolino imbecca con un assist al bacio Vincenzo Agate che, solo davanti a Leone, non deve far altro che depositare il pallone in porta. I cilentani sanno di vivere il loro momento migliore, e mettono la Nocerina alle corde fino alla fine del primo tempo. Al 45′ Sollazzo viene servito perfettamente da Agate e tocca all’indietro per Numerato, che mette i brividi alla ai molossi con una conclusione piuttosto pericolosa. Con questa occasione si chiude la prima frazione.

HARAKIRI NOCERINA, L’AGROPOLI RIMONTA E VINCE QUATTRO A DUE. La ripresa inizia nel peggiore del modi per la Nocerina, che subisce il gol del pareggio dopo appena ventisei secondi. Il portiere dei molossi Lorenzo Leone riesce a neutralizzare con un grande intervento il colpo di testa di Sollazzo, ma nulla può sul tap-in vincente di Agate, che mette la firma sulla rimonta dell’Agropoli. La Nocerina prova a reagire, ma i padroni di casa si difendono con ordine e in ripartenza risultano sempre velenosissimi. Al 69′ la svolta che cambia totalmente la gara: Camarà effettua un lancio verso l’area di rigore per Sollazzo, che viene messo giù in area di rigore da un Leone tutt’altro che perfetto. Dal dischetto, Camarà trafigge il portiere rossonero e completa una rimonta che nel primo tempo sembrava inimmaginabile. Per i molossi e i propri tifosi la mazzata definitiva arriva dal quarto gol, che arriva tre minuti dopo grazie a Semati. Il giocatore azzurro approfitta di un’uscita sciagurata di Leone e gonfia la rete senza alcuna difficoltà. La Nocerina è ormai incapace di contenere le folate offensive dell’Agropoli, e rischia di subire il pokerissimo in più di un’occasione. A rendere tutto più difficile anche in vista delle prossime partite c’è l’espulsione rimediata da Calvanese in pieno recupero, segno di una gara da dimenticare, che condanna nuovamente la Nocerina all’inferno della zona play-out.

Domenico Pessolano, ForzaNocerina.it

Back to top button