Ultime news

ASSESSORE FORTINO: “La Nazionale conoscerà l’entusiasmo di Nocera”

Si è svolto questa mattina, presso lo Stadio San Francesco, il sopralluogo del delegato della FIGC, coadiuvato dal general manager Bruno Iovino, in vista della gara tra le rappresentative dell’under 20 di calcio di Italia e Olanda che, una volta avuto parere positivo, si disputerà a Nocera Inferiore martedì 31 marzo (alle ore 14).
In occasione di quella che potrebbe essere una nuova, importante, vetrina internazionale per la nostra città, ForzaNocerina.it ha intervistato la dottoressa Federica Fortino, neo assessore allo sport e vicesindaco della città capofila dell’Agro.

Salve, assessore. Innanzitutto, congratulazioni per la nomina a vicesindaco, una bella soddisfazione per lei, soprattutto in considerazione della sua giovane età.
«Una bellissima soddisfazione perché, come dico sempre, avere una giovane in giunta dà fiducia ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla “cosa pubblica”. E la politica ha bisogno di giovani volenterosi».

Oltre alla nomina a vicesindaco, è arrivata anche la delega allo sport, e, tra i primissimi atti, ci sarà l’organizzazione, al San Francesco di una gara della Nazionale italiana under 20. Beh, meglio non si poteva cominciare!
«Sì, è un grande risultato. A dire il vero, ci stavamo lavorando da un po’. Dopo il successo dell’Universiade, Bruno Iovino ci ha palesato l’opportunità di portare una nazionale a Nocera. Un ringraziamento doveroso va anche al vice presidente vicario della FIGC, Cosimo Sibilia, attualmente presidente della LND e, questo lo sanno in pochi, ex calciatore molosso. Ci siamo messi subito al lavoro con molta fiducia, convinti che un impianto come il nostro, appena rinnovato, potesse avere le carte in regola per ospitare un evento del genere. Si tratterà di compiere un grosso lavoro organizzativo, ma lo porterò avanti avanti con entusiasmo. Insomma, il mio mandato inizia bene».

Cosa farà lei e cosa farà l’amministrazione retta dal sindaco, l’avvocato Manlio Torquato, affinché la città di Nocera Inferiore onori al meglio questo evento?
«Innanzitutto, stiamo svolgendo una serie di incontri con Bruno Iovino, con i dirigenti comunali come la Pacelli e Sampogna e con l’assessore Ugolino per garantire la fruibilità a trecentosessanta gradi dello stadio che, a dire il vero, è già conforme alle norme della Federazione Italiana Giuoco Calcio. Proprio oggi abbiamo avuto un incontro al San Francesco con il delegato nazionale della FIGC. Adesso ci tocca aspettare fino alla settimana prossima, quando arriverà la risposta ufficiale da Roma. Una volta che l’avremo ottenuta, inizierà l’iter burocratico, con la pubblicazione della delibera e tutti gli atti successivi. Quindi, cominceremo a coinvolgere gli istituti scolastici e le scuole calcio del territorio, per riempire e colorare il settore distinti (che sarà interamente riservato ai bambini). La tribuna sarà dedicata ai tifosi più “grandi” e alle autorità. Inoltre, stiamo lavorando affinché l’evento sia completamente gratuito».

Parliamo dello stadio. Dopo gli stanziamenti per l’Universiade, è in arrivo un nuovo finanziamento – questa volta dal CONI – per il San Francesco. Come cambierà l’impianto?
«Il nostro stadio è stato appena rinnovato. Il buon lavoro compiuto ha colpito anche il delegato della FIGC. Infatti, se tutto andrà come speriamo, non è escluso che il San Francesco possa ospitare altri eventi di rilievo internazionale. E, se lo stadio è idoneo ora, lo sarà di più dopo i nuovi interventi. In realtà, per ciò che riguarda questa riqualificazione, ne sa più di me l’assessore ai Lavori pubblici, Imma Ugolino. Tuttavia, a partire dal mese di aprile, verrà abbassato il manto erboso, che sarà portato a livello della pista di atletica (che sarà a sua volta rifatta). Verrà installato un nuovo impianto di irrigazione e le tribune saranno dotate di seggiolini. Per la gara della Nazionale, però, ci hanno chiesto qualche piccolo intervento come la pitturazione in giallo delle scalette destinate al deflusso dei tifosi».

Infine, da tifosa rossonera, un augurio per la squadra e per la società.
«Non posso che augurarmi che la Nocerina possa tornare ai fasti di un tempo perché la squadra, la tifoseria e la città lo meritano. Il delegato ci ha confessato che gli piace che le Nazionali giochino al Sud perché i nostri territori mostrano agli azzurri tanto entusiasmo! Sono sicura che Nocera non sarà da meno».

Vincenzo Ciancio, ForzaNocerina.it

Back to top button