Ultime news

SI SALVI CHI PUÒ: Nocerina, brivido retrocessione. A Bitonto altro disastro

Situazione delicata in casa rossonera, la classifica si fa sempre più deficitaria, ma quel che preoccupa è l’assenza di mordente mostrato dai calciatori rossoneri nella trasferta contro il Bitonto, che ha avuto vita fin troppo facile contro gli uomini di Esposito e Cavallaro.

ANCORA UN CAMBIO TRA I PALI. Al “Città degli ulivi” debutta l’ennesimo portiere stagionale. Nel giro di quattordici giornate, dall’arrivo del duo tecnico Esposito-Cavallaro, è il terzo numero uno, che viene schierato dal primo minuto a difesa dei pali della porta rossonera, quasi volendo far passare il non gioco atavico della formazione, come un problema ascrivibile ai portieri. Il classe 2001 Pizzella, sicuramente non potrà fare miracoli vista l’attuale situazione. A nostro avviso, sarebbe più opportuno puntare, in un ruolo così delicato, su un uomo di esperienza, che possa dare tranquillità e sicurezza ad un reparto che appare in bambola da diverse giornate.

SERVE UNA SVOLTA, OCCORRE RITROVARE DIGNITÀ. Il patron Maiorino dopo la scoppola di Bitonto, si presenta in sala stampa, a sorpresa, dopo un lungo periodo di silenzio, confermando che la società è sana, che sono stati assolti tutti i pagamenti vecchi e presenti, che ci si sta attrezzando per il futuro, parole alle quali non possiamo dar smentita, quindi le prendiamo per buone e tiriamo avanti, ricordando, però, delle tante belle parole dette pochi mesi or sono, pregne di promesse ed aspettative, che puntualmente i fatti hanno smentito. Serve una svolta, assolutamente, che ridia dignità a tutto l’ambiente, magari ritornando anche sui passi, fatti pochi mesi fa. Il cambio tecnico non ha prodotto i frutti sperati, anzi è evidente che c’è stata un’involuzione tecnico-tattica. L’organico è stato ampliato, modificato, modellato per quello che hanno chiesto i tecnici, ma i risultati sono terribilmente catastrofici. Bisogna intervenire prima che la situazione scivoli irrimediabilmente dalle mani, anche facendo scelte impopolari. Il patrimonio sportivo della “quarta serie” va tutelato a tutti i costi. Una retrocessione nei campionati regionali rappresenterebbe uno smacco troppo pesante per tutto l’ambiente ed una tragedia per la società. Uno scatto d’orgoglio potrebbe restituire dignità e fiducia a tutto l’ambiente, senza ostinarsi su chi è palesemente inadeguato al progetto sportivo attuale della Nocerina.

BITONTO PRIMO, NON SOLO IN CLASSIFICA. Nota a margine: un ringraziamento di vero cuore, alla società del Bitonto, al loro ufficio stampa ed a tutti i colleghi che seguono la squadra pugliese, per l’accoglienza, la disponibilità e la cortesia avuta nei nostri confronti. Non si è primi per caso. Anche i dettagli fanno la differenza.

Francesco Cuomo, ForzaNocerina.it

Back to top button