Ultime news

UN GIRONE DOPO: l’Altamura di Alessandro Monticciolo

Proveniente dal due a zero rifilato al Taranto e a quota trentuno punti un classifica, l’Altamura vuole allontanare definitivamente la zona retrocessione e vivere l’ultima parte della stagione senza troppi patemi d’animo. Per farlo a partire già da domenica, i murgiani dovranno battere allo stadio “San Francesco” la Nocerina di Marcello Esposito e Giovanni Cavallaro.

LA FORMAZIONE. Allenata da Alessandro Monticciolo, tecnico subentrato a Severo De Felice lo scorso dieci ottobre, l’Altamura è una squadra sulla carta in grado di poter mettere in difficoltà tutte le compagini del girone e di lottare per traguardi ben più prestigiosi di una salvezza tranquilla. Tuttavia, i pugliesi non sono mai riusciti a esprimere al meglio le loro qualità e per breve un periodo sono stati anche risucchiati in zona play-out. Tra i pali c’è il diciottenne Mattia Guido, che comanda la difesa a tre composta da Raffaele Gambuzza, Francesco Russo e da Filippo Romanelli (’99). Le chiavi del centrocampo sono affidate all’esperto regista ex Siena e Potenza Mirko Guadalupi, supportato dalle mezzali Tommaso Fontana (’00) e Ciro Lucchese. Sulle fasce spazio all’ex Nocerina Rocco Casiello sulla sinistra e al classe ’00 Andrea Santangelo sul versante opposto. In attacco, Cosimo Salatino ha il compito di assistere al meglio il grande ex di giornata Giuseppe Siclari, che nella stagione 2016/17 fu la vera e propria punta di diamante della Nocerina di Giovanni Simonelli.

I PRECEDENTI. L’unica volta in cui l’Altamura e la Nocerina si sono sfidate allo stadio “San Francesco” risale al Campionato Nazionale Dilettanti 1993/94. I rossoneri non delusero le aspettative dei tifosi e vinsero per due a zero grazie alle reti di Vastola e Treglia.

Alessandro Barone, ForzaNocerina.it

Back to top button