Ultime news

NOCERINA, un inizio in chiaroscuro

D’accordo, manca ancora un’eternità all’inizio del prossimo campionato. Ma il tempo, come dicono i poeti, “fugge, e non s’arresta un’ora”. Il mercato dei molossi prosegue in chiaroscuro. Nella scorsa settimana qualcosa si è mosso. Facendo il punto della situazione, la rosa della Nocerina conta, al momento, i portieri Mario Cappa, classe 2000 ex Cerignola e Gianluca Volzone, (2000), proveniente dalla Fidelis Andria; in difesa il futuro mister rossonero si è aggiudicato l’esperienza dell’ex Avellino Santiago Morero, argentino classe 1982 e dell’ex Giugliano Andrea Impagliazzo (1992). A centrocampo hanno firmato: Francesco Manoni, classe 1997, ex Ladispoli e Pierfrancesco Vecchione (1999) proveniente dal Milano City; in attacco, la squadra potrà contare su due esterni: Bernardino Prevete, classe 2002, proveniente dalla Palmese (formazione che, nell’ultima stagione ha disputato il girone B del campionato di Eccellenza in Campania) e l’ivoriano classe 1993 Adama Diakité, ex Savoia.
A dire il vero, nonostante sia stato bloccato, Morero non ha ancora posto la firma in calce al contratto che lo legherà alla società di Via Barbarulo. Se ne parlerà a partire da settembre.

Che campionato sarà? Probabilmente, ne sapremo qualcosa di più a partire dal 22 agosto, quando saranno ufficializzate le liste dei candidati alle prossime elezioni regionali. Il massimo dirigente rossonero non ha mai nascosto la sua volontà di candidarsi tra le file del carroccio.
Ci era quasi riuscito nelle ultime elezioni europee. Ci sta riprovando per le elezioni in Campania del 2020. Tuttavia, l’avvocato sa bene che le liste si chiudono la notte prima della presentazione e, finché il suo nome non sarà in calce presso gli uffici elettorali della Regione, nulla è ancora deciso. In città, ci si chiede se la candidatura/non candidatura condizionerà il mercato rossonero… Difficile rispondere. E, in caso di candidatura, l’elezione/non elezione condizionerà il campionato dei molossi? Non è semplice neanche questa domanda.

Una risposta, però, è arrivata dai ragazzi della curva. Indipendentemente dal fatto che il binomio Nocerina/politica, storicamente, non è mai andato giù ai tifosi rossoneri, l’ambiguità nella gestione della società ha fatto sì che l’ultimo sabato sera lungo l’asse Via Garibaldi/Prolungamento sia stato un po’ più animato – e rumoroso – del solito. Gli ultras rossoneri, con cori e fumogeni, hanno civilmente protestato contro un presidente che non sentono loro vicino e del quale, dopo due anni di promesse inevase e vertenze mantenute, non riescono a fidarsi più. Un disappunto manifestato anche nei tanti striscioni che sono comparsi in città, che invitano il presidente a fari da parte.

Intanto, però, la società ha comunicato che la Nocerina andrà in ritiro. Andrà in ritiro, per una sola settimana (dal 17 al 24 agosto), a Bracigliano, per allenarsi sul sintetico dello stadio di Siano… Indipendentemente dalla anomala durata (solitamente, i ritiri durano quindici giorni), ciò significa che lunedì prossimo la società avrà un allenatore in prima, un allenatore in seconda, un allenatore dei portiere, un preparatore atletico, un massaggiatore, un magazziniere e, soprattutto, tanti atleti. Insomma, nella settimana di ferragosto prepariamoci a ufficializzazioni su ufficializzazioni.
La Nocerina, cari tifosi molossi, noi la portiamo nel cuore. Va trattata con rispetto. Speriamo che chi la guida lo abbia capito.

Maria Esposito, ForzaNocerina.it

Back to top button