Ultime news

NOCERINA, il campionato riparte da 0 a 10

È iniziato ufficialmente il conto alla rovescia al debutto stagionale della Nocerina, che domenica ospiterà il Giugliano. In sintesi, o meglio da 0 a 10, i momenti più o meno tormentati che hanno caratterizzato l’avvicinamento di squadra, società e staff tecnico all’inizio del campionato.

ZERO gli spettatori che potranno assistere al debutto della Nocerina contro il Giugliano e al derby col Savoia della settimana successiva. Le ultime disposizioni del ministro Spadafora riguardano, infatti, solo la serie A. Addio alle “porte socchiuse”: al San Francesco solo tesserati e addetti ai lavori;

UNO è il mese trascorso in rossonero da Antonio Calvanese. Il difensore classe ’97, che avrebbe dovuto comporre il pacchetto arretrato con Impagliazzo e Morero, è stato tesserato lo scorso 11 agosto, ma è già scomparso dai radar. Difficile immaginare un’esclusione da parte di Cavallaro, che lo aveva voluto con insistenza già nella passata stagione. Più probabile che abbia avuto problemi personali o gli siano tornati alla mente alcuni pensieri manifestati più o meno velatamente tra maggio e giugno scorsi;

DUE le reti subite dalla Nocerina nelle sei amichevoli, o allenamenti congiunti come dir si voglia, di questo precampionato, a dispetto delle undici segnate contro Pianura, Angri, Salernum Baronissi, Castel San Giorgio, Sorrento (gara sospesa dopo una ventina di minuti) e Turris. Un dato che fa decisamente ben sperare in vista delle gare che contano;

TRE i mesi di silenzio del presidente Paolo Maiorino. Preso dall’euforia del momento il patron annunciava al mondo intero che la Nocerina era una società sana e senza debiti e avrebbe sicuramente lottato per un campionato da vertice. La vertenza presentata poche settimane dopo dall’ex allenatore Nello Di Costanzo e dal suo vice hanno immediatamente smontato la prima tesi. I tifosi molossi si augurano che il campo, assoluto giudice supremo, non smentisca miseramente anche la seconda;

QUATTRO i campionati consecutivi di serie D disputati dalla compagine rossonera dopo la vittoria dell’Eccellenza col nome di Città di Nocera. Un play off vinto, uno perso al primo turno, una salvezza tranquilla e una decisamente un po’ più travagliata rappresentano il magro bottino messo insieme dalla società guidata prima da Padovano, poi da Maiorino con una parentesi di cinque mesi di Bruno Iovino. La speranza, che davvero è l’ultima a morire, è che in questa stagione possano arrivare risultati migliori;

CINQUE è il numero di maglia che con ogni probabilità indosserà il neo capitano molosso Morero, vero fiore all’occhiello della campagna acquisti firmata dal direttore sportivo Riccardo Bolzan. Difficile, al momento, dare un voto al mercato, soprattutto perché non si conoscono gli obiettivi stagionali della società. Di sicuro la rosa va allungata, soprattutto nel pacchetto over; pare impossibile affrontare il campionato con così pochi uomini esperti a disposizione;

SEI le trasferte sarde che toccheranno alla Nocerina. Curiosità sulle modalità di partenza che il patron Maiorino adotterà. Aereo o nave che sia si andrà incontro a costi piuttosto alti, decisamente inimmaginabili nelle scorse stagioni quando il pullman era l’unico mezzo di trasporto contemplato, anche per raggiungere destinazioni lontane quasi mille chilometri;

SETTE, o poco meno, i mesi trascorsi dall’ultima gara ufficiale disputata dalla Nocerina. Il pareggio agguantato a tempo quasi scaduto da Dieme ha, inconsapevolmente, regalato la salvezza alla compagine allora allenata da Esposito, che è riuscita a mantenere la categoria per il rotto della cuffia;

OTTO il numero di maglia che solitamente indossa il centrocampista centrale, alla Alessandro Bruno dei tempi belli per intenderci. Proprio la zona nevralgica del campo sembra, al momento, carente in termini di quantità e qualità. Difficile pensare di poter puntare sul solo Bottalico. I nomi circolati, Mezzavilla e Vitiello per citarne alcuni, hanno trovato sistemazione altrove. Necessaria una ricognizione tra staff tecnico e societario per virare con decisione su altri obiettivi;

NOVE i gol realizzati alla sua prima esperienza in serie D con la maglia del Sora da Nicola Talamo, il bomber scelto da Maiorino e Bolzan che farà coppia in attacco con Diakite. L’augurio è che quest’anno possa raggiungere la doppia cifra e fornire il contributo che tutti si aspettano da lui;

DIECI il numero di maglia di Giovanni Cavallaro versione calciatore, quello che coi suoi dribbling e i suoi gol ha contribuito in maniera piuttosto decisiva alla scalata della Nocerina dalla C2 alla B. Causa problemi di salute è stato costretto anzi tempo ad appendere le scarpette al chiodo e ha intrapreso la carriera di allenatore ricevendo subito un grosso attestato di stima da Maiorino e dal suo consulente, che gli hanno affidato la guida tecnica della squadra, in coabitazione con Esposito, ad ottobre dello scorso anno. Sarà lui, anche se una comunicazione ufficiale non è mai arrivata, a guidare la squadra anche nella stagione che si appresta a iniziare.

redazione ForzaNocerina.it

What do you want to do ?

New mail

Back to top button