Ultime news

Nocerina gagliarda ma poco incisiva, il Gladiator passa nel finale

GLADIATOR 2

NOCERINA 1

GLADIATOR: Fusco; Fazi, Di Finizio, Vitiello, Maraucci, Sall, Barbetta (70′ Strianese), Di Pietro (80′ Tripicchio), Ferraro (70′ Del Sorbo), Falco, Coppola (76′ Marzano). A disp.: Maione, De Carlo, Siciliano, Suppa, D’Errico. All. Clemente Santonastaso.

NOCERINA: Cappa; Rizzo, Vecchione, Morero, De Iulis (89′ Improta), Diakite, Donida (89′ Bottalico), Fois (37′ Pisani), Garofalo (46′ Manoni), Cuomo, Donnarumma (61′ Dammacco). A disp.: Volzone, Massa, Impagliazzo, Esposito. All. Giovanni Cavallaro.

ARBITRO: sig. Silvio Torreggiani di Civitavecchia. Assistenti: Fumarulo di Barletta e Masciale di Molfetta.

MARCATORI: 35′ Di Pietro (G), 67′ Diakite (N), 85′ Marzano (G).

NOTE. Calci d’angolo: 4-3. Ammoniti: Donida (N), Fois (N), Maraucci (G), Morero (N). Recupero: 2′ pt; 4′ st. Gara disputata a porte chiuse, giornata piovosa.

Una Nocerina gagliarda ma poco efficace esce sconfitta dal campo delGladiator per due reti ad una, mettendo fine a una imbattibilità che durava dalla seconda giornata di campionato. Dopo essere andata sotto nel primo tempo, a segno l’ex Di Pietro, la squadra di Cavallaro pareggia i conti nella ripresa con Diakite, ma deve arrendersi al gol di Marzano a cinque minuti dalla fine, che la condanna alla seconda sconfitta stagionale.

NOCERINA OPACA, IL GLADIATOR PASSA CON DI PIETRO. Una Nocerina lanciata verso le zone alte della classifica e reduce dal quattro a zero inflitto al Nola va a far visita al Gladiator senza nascondere le ambizioni vittoria. Il tecnico Giovanni Cavallaro conferma gran parte dell’undici titolare sceso in campo domenica scorsa, fatta eccezione per l’impiego di Rizzo e Cappa dal primo minuto. Per il Gladiator, invece, Santonastaso si affida nuovamente a Ferraro per l’attacco e a un atteggiamento di squadra aggressivo, volto subito a dominare il match. Dopo una prima fase di studio, i padroni di casa cominciano a premere e si rendono minacciosi al 10′ con un tiro di Ferraro di poco alto. Due minuti dopo la Nocerina si rende pericolosa prima con un tiro insidioso di De Iulis e poi con un’esecuzione a botta sicura di Garofalo, ma la difesa avversaria se la cava ed evita il peggio. Poco dopo la mezz’ora la doccia fredda per i rossoneri. Sugli sviluppi di un corner dalla destra, l’ex di giornata Andrea Di Pietro svetta di testa e mette in rete il pallone che vale il gol dell’uno a zero per i casertani. La Nocerina accusa il colpo e, due minuti più tardi, perde anche Fois per infortunio. Nonostante le difficoltà e un Gladiator arrembante, gli uomini di Cavallaro tengono botta fino alla fine del primo tempo.

LA NOCERINA PAREGGIA CON DIAKITE, MA IL GLADIATOR LA VINCE NEL FINALE. La seconda frazione inizia con una Nocerina molto più determinata. Al 52′ il neo entrato Manoni viene innescato da un compagno e dal limite dell’area lascia partire un fendente che impegna severamente i guantoni di Fusco, che respinge prontamente la conclusione. Il Gladiator risponde pochi minuti dopo con una precisa combinazione tra Ferraro e Coppola, conclusa da quest’ultimo con un destro di poco alto. La Nocerina non si lascia intimorire, continua a macinare gioco e al 67′ trova il gol del pareggio. Sul calcio di punizione battuto da Manoni si avventa Diakite, che di testa trafigge il portiere di casa. Il pari rinvigorisce i molossi, che vanno in fiducia e sfiorano anche il vantaggio. De Iulis pesca in area Manoni, che calcia al volo di pochissimo fuori. Intorno al 75′ la Nocerina va ancora vicino al gol con un colpo di testa di Rizzo sugli sviluppi di un calcio d’angolo; stavolta Fusco si supera e neutralizza l’esecuzione. Proprio nel momento migliore dei rossoneri, però, il Gladiator trova la forza di reagire e inaspettatamente il raddoppio. Al minuto numero 85 Del Sorbo mette un perfetto traversone per il nuovo entrato Marzano, che di testa beffa Cappa e una difesa non del tutto esenti da colpe. Il gol dei casertani è una mazzata psicologica per la Nocerina, ormai stanca e priva di qualsiasi energia. Gli ultimi minuti, infatti, sono un monologo dei padroni di casa, che vanno più volte anche vicino al tris. Dopo quattro minuti di recupero si conclude una gara dal sapore amaro per la Nocerina, battagliera per tutti i novanta minuti ma quasi mai incisiva negli attimi decisivi.

redazione ForzaNocerina.it

What do you want to do ?

New mail

Back to top button