Ultime news

NOCERINA, Torre amareggiato: “Sono stato messo alla porta, ho dato tutto per questi colori”

Deluso, amareggiato per la fine di una esperienza per cui si è esposto fino dall’inizio, Gerardo Torre, da oggi non è più l’allenatore della Juniores e direttore sportivo del settore giovanile della Nocerina. Ma perché? Con i campionati giovanili fermi a causa delle disposizioni anti-contagio, cosa ha scaturito questa decisione?

È lo stesso tecnico a spiegare i motivi di questo divorzio in un’intervista rilasciata al nostro portale: “prima di tutto – ha esordito Torre – consentitemi di ringraziare mister Vincenzo Criscuolo che mi ha insegnato tanto in questi anni, sia a livello umano che tecnico-tattico e mi ha spronato affinché intraprendessi questo percorso che, questo pomeriggio, è arrivato al capolinea. I motivi sono tanti. Purtroppo fin dal mese di settembre – ha continuato l’ex tecnico delle giovanili rossonere – il rapporto con il tecnico della prima squadra non è stato ottimale e questo non mi ha permesso di poter sviluppare a pieno, il percorso di crescita che avevo in mente per i miei ragazzi. Nonostante tutto oltre al gruppo squadra della Juniores, è stato formato anche quello di Allievi e Mini Allievi, cosa che a Nocera non si vedeva da un pò. Tutto questo grazie al lavoro mio e delle poche persone che mi sono state vicino”.

Tra queste, a detta di Torre, non c’è sicuramente la società rossonera: “bastano pochi esempi per farvi rendere conto delle condizioni in cui abbiamo lavorato. I ragazzi non sono mai stati dotati del materiale tecnico, solo pochi mesi fa sono arrivati i kit medici. Stiamo parlando del minimo indispensabile per svolgere al meglio e in tutta sicurezza l’attività sportiva. Pensate che per la prima gara in trasferta a San Luca non ci è stato nemmeno messo a disposizione un pulmino per raggiungere il campo di gioco e siamo stati costretti a chiederlo in prestito ad una società di un comune a noi limitrofo, dopo che mi sono speso in prima persona. Nei giorni scorsi poi la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Un episodio che francamente mi vergogno anche di raccontare. Preferisco – conclude il tecnico – ricordare e portare nel cuore le poche cose belle che questa avventura con la Nocerina nonostante tutto mi ha lasciato. Il rapporto con i ragazzi, il bel gruppo che si è creato tra tante  difficoltà. Consentitemi infine un saluto a tutti i tifosi che hanno a cuore questi colori. Magari un giorno le nostre strade si rincontreranno, intanto gli auguro di tornare presto nelle categorie che competono ad una società blasonata come la Nocerina”.

Francesco Federico De Filippis, ForzaNocerina.it

Back to top button