Ultime news

CASSINO, parla mister Alessandro Grossi: “La mia squadra non molla mai”

"La Nocerina? La rispettiamo ma non abbiamo timore di nessuno"

Il tecnico del Cassino, Alessandro Grossi, ci racconta della sua squadra e della sfida di domenica prossima contro la Nocerina.

Primi nella “Classifica D Valore” che importanza ha questo risultato?
Siamo primi con una partita in meno in un girone abbastanza difficile. Il Girone G è composto da squadre il cui valore economico supera altamente quello nostro e vincere la concorrenza è un motivo di vanto. Essere primi nella “Classifica D Valore” e trovarci in questo posizionamento, valorizzando i giovani, è sinonimo di un percorso dignitoso fatto nel modo giusto. Non è stato facile a causa del focolaio Covid che ci ha colpito, stare inattivi per circa 40 giorni è stata dura, a questo poi, si sono aggiunti gli infortuni di Tribelli, Kawsu e Giglio, criticità che sono state azzerate grazie al grande impegno del gruppo storico, dal prezioso apporto degli over Carcione, Ricamato, Picascia, Lucchese e Della Pietra e dall’encomiabile lavoro degli under come Tomassi, Cocorocchio per citarne qualcuno.

Che squadra è il suo Cassino?
È una squadra che non molla mai, nelle difficoltà più assolute è riuscita sempre a rimanere compatta senza farsi annientare dalle difficoltà del momento, una grande dote che ci ha permesso di guadagnare tutti questi punti.

Domenica sarà la volta della Nocerina?
È risaputo che la Nocerina è una grande squadra che lotta per i play off dato il valore tecnico dei singoli calciatori come Diakitè, El Bakhtaoui e Donnarumma. Il Casino ha una mentalità decisa, non ha timore dell’avversario ma lo rispettiamo. In casa abbiamo fermato il Savoia, il Latina, Monterosi e Latte Dolce, corazzate che sulla carta dovevano vincere e invece il campo ha decretato diversamente.

Un gruppo giovane ma ostico?
Io do molto fiducia ai giovani, perché posseggono delle caratteristiche intrinseche fondamentali in alcuni momenti chiave della gara, a volte la loro leggerezza su taluni aspetti può essere decisiva. Sono a favore della regola delle quote perché è garanzia del loro impiego.

Obiettivo?
A questo punto è assicurarsi la categoria! Dobbiamo cercare di raggiungere la matematica salvezza con tutta tranquillità sfruttando il fattore campo, dato che dobbiamo disputare cinque partite in casa e tre fuori. Credo che il nostro obiettivo è vicino in virtù anche delle ipotesi di retrocessioni vagliate in questi ultimi giorni.

Quale il futuro di Sandro Grossi?
Io ho già sottoscritto un contratto che mi lega al club azzurro per un altro anno. Sto portando a compimento quello che la Società mi aveva chiesto di fare. Abbiamo valorizzato tanti giovani come voleva il nostro progetto, non a caso Kevin Miranda (2003) è passato al Sassuolo. Senza presunzione sono riuscito a fare qualcosa di eccezionale con questi ragazzi dato il periodo storico che stiamo attraversando. Io sono di Cassino, ho vinto un campionato di Eccellenza di Serie D, ho disputato dignitosamente tre campionati di Serie C e principalmente sono un cassinate doc, la mia volontà di restare qui è indiscussa poi la decisione ultima spetta alla Società.

Maria Esposito

Back to top button