Ultime news

LATINA-NOCERINA 1-1 dts, le pagelle: Donnarumma migliore dei suoi

Volzone 6,5 Nel primo tempo, bravo a chiudere la porta in almeno un paio di occasioni. Non viene impegnato più di tanto fino al secondo rigore di giornata assegnato nel primo tempo supplementare. Bravo a salvare i suoi su Di Renzo nel finale.

Rizzo 6 Più di un’azione pericolosa dei padroni di casa ha inizio dalle sue parti. A secondo tempo suppmentare assolutamente scaduto segna il gol del pareggio.

Morero 6 Ingaggia un discreto duello con i centravanti di casa. Ne esce quasi sempre vincitore

Donida 6 Dalle sue parti si passa difficilmente. Fa tremare i suoi compagni e i suoi tifosi a causa di uno scontro fortuito con Saporito. Nel primo tempo supplementare tocca con un braccio la palla che dà ai padroni di casa il secondo rigore.

Esposito 6 Sempre duttile. È una costante spina nel fianco degli avversari.

Vecchione 5,5 Inizia come esterno alto a sinistra, passa a destra a causa dell’infortunio di Katseris. Sulla sua prestazione c’è poco altro da dire.

Donnarumma 7 Migliore dei suoi. Fa girare la squadra con sapienza.

Dammacco 6,5 Va vicino al gol a inizio match e salva Volzone allontanando sulla linea il colpo di testa di Corsetti.

Katseris ng Rimane in campo pochi minuti, ma gli bastano per regalare ai padroni di casa un rigore ingenuo. Esce subito dopo per (il solito) infortunio.

El Baktaoui 5,5 Assente ingiustificato nel primo tempo, nella ripresa coglie uno sfortunato palo. Ma è frutto di un’azione sporadica.

Diakité 4 In pochi si accorgono della sua presenza in campo.

Subentrati

Saporito 5,5 Entra in campo un po’ a freddo. Rileva la posizione di Vecchione sulla fascia sinistra.

Talamo 5 Prende il posto di Dammacco. Non incide più di tanto.

Sorgente ng

Petito ng

Garofalo ng

Mister Cavallaro 5,5 La sua Nocerina parte molto bene, ma subisce quasi subito il ritorno da parte dei padroni di casa. Nella ripresa la gara si porta su un piano più equilibrato. Il pareggio finale è anche sostanzialmente giusto, ma per passare serviva tanta grinta in più.

Francesco Belsito

Back to top button