Ultime news

NOCERINA – CAVESE 0-0: l’arbitro Maccorin inchioda il risultato sul pari

Clamorosa decisione dell'arbitro Maccorin che annulla un gol validissimo ai rossoneri

NOCERINA – CAVESE 0-0

NOCERINA (4-3-3): Fantoni; Dorato, Mazzei, Pinna, Esposito; Carotenuto (45’ st Gaetani), Tuninetti (30’ st Vecchione), Maimone (24’ st Guida); Liurni, Cardella, Rossi (30’ st Citarella). In panchina: Venturini, Petti, Citarella, Garofalo, Maccari, Fabbricatore. Allenatore: Nappi

CAVESE (3-5-2): Boffelli, Buschiazzo, Troest, Magri; Megna, Konatè, Zenelaj, Urso, De Rosa (10’ st Sette); Chiarella (19’ st Faella), Foggia (30’ st Di Piazza). In panchina: Lucano, Antonelli, Lops, Addessi, Fraraccio, Gueye. Allenatore: Di Napoli

ARBITRO: Michele Maccorin di Pordenone (Minutoli-Manni)
NOTE:  Giornata nuvolosa. Campo di gioco in buone condizioni. Spettatori 5000 circa. Ammoniti: De Rosa (C), Troest (C). Angoli: 8-3. Recupero: 2’pt; 5’st

Pareggio a reti bianche tra Nocerina e Cavese, i molossi nonostante una prestazione maiuscola non riescono ad avere la meglio su di un avversario che ha dimostrato ben poco il suo valore rispetto alla posizione in classifica occupata. Gli uomini di Nappi, che si sono ampiamente fatti preferire, per azioni create e mentalità espressa, hanno da recriminare un gol annullato per fuorigioco inesistente dall’arbitro Maccorin.

I rossoneri che hanno interrotto il filotto di sette vittorie consecutive, sul campo del Boreale, contro la capolista Cavese sono costretti a stravolgere l’undici di partenza per la mancanza di ben tre degli under 2005 disponibili. A Crasta e Gadaleta squalificati, si è aggiunto Mariano indisponibile per infortunio. Quindi via libera dal primo minuto a Dorato nella collaudata difesa a quattro. In mediana mister Nappi si affida all’esperienza di Tuninetti, Maimone e Carotenuto. Spazio a Rossi in attacco al fianco di Cardella e di Liurni.

La capolista Cavese, vittoriosa da quattro turni consecutivi, nell’ultima giornata ha potuto allungare sulle inseguitrici compiendo un doppio balzo verso i professionisti. Per mister Di Napoli, solo due cambi nell’undici titolare che domenica scorsa ha superato per una rete a zero l’Ostiamare. Di Piazza e Sette partono dalla panchina lasciando la maglia da titolare a Chiarella e Buschiazzo.

Sale subito la tensione nei primi minuti della gara, al 4’ ci prova Foggia dalla distanza ma la mira è da rivedere. Un minuto dopo è Rossi ad involarsi verso Boffelli, ma anche lui pecca di precisione. E’ ancora Rossi a provarci al 12’, l’attaccante rossonero scatta sul filo del fuorigioco e dopo quaranta metri di corsa palla al piede, calcia verso la porta ospite, ma la sua conclusione viene murata in calcio d’angolo da Troest. Ancora Nocerina pericolosa al 16’ con Liurni, che dal lato destro dell’area di rigore con un bolide piega le mani a Boffelli che riesce a deviare in angolo. Occasionissima per i padroni di casa al 31’ con Liurni, che servito ottimamente da Cardella, ha il tempo di aggiustarsi la palla e concludere a rete, purtroppo la conclusione è tutt’altro che nello specchio della porta metelliana. Al 42’ Maimone di testa chiama all’intervento miracoloso il portiere degli aquilotti, che con la punta delle dita riesce a deviare in corner. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina, ancora Maimone, di testa, colpisce il palo, sulla ribattuta si avventa Tuninetti che deposita la palla alle spalle di Boffelli, ma l’arbitro inspiegabilmente annulla per fuorigioco. I rossoneri, che si sono ampiamente fatti preferire all’undici di Di Napoli, nella prima frazione di gioco, escono dal campo, tra gli applausi del pubblico di casa.

Nella ripresa la Nocerina continua la gara impostata nel primo tempo e tiene in mano il pallino dlel gioco. E’ ancora Liurni al 12’ ad avere sui piedi la palla buona per portare i rossoneri in vantaggio, ma la sua conclusione, all’altezza del dischetto di rigore, è troppo alta per impensierire Boffelli. Al 21’ è Cardella ad infiammare le cinquemila anime del San Francesco con un a punizione a giro che fa la barba al palo e si spegne sul fondo. La partita cala di intensità e le due squadre non riescono a farsi male, facendo ristagnare il gioco soprattutto a metà campo.  La Nocerina prova a scardinare la muraglia umana alzata a difesa di Boffelli fino alla fine delle ostilità senza però riuscire ad avere la meglio.

Fabio Vicidomini

Immagini collegate:

Back to top button