Ultime news

Favarin: «Resta il rammarico di non aver chiuso la gara»

Finale di gara infuocato, dopo partita più tranquillo. Spiega le ragioni della Lucchese il tecnico toscano Favarin che si sofferma sull’episodio del gol di Biggi, che ha riscaldato gli animi delle due squadre in campo: “sull’azione del gol erano rimasti a terra due giocatori, uno per squadra,” precisa l’allenatore della Lucchese, “l’arbitro non ha ritenuto necessario fermare il gioco, non vedo perché avrebbe dovuto farlo la mia squadra.” Tornando alla gara il tecnico prosegue la sua analisi: “è stata una partita molto intensa tra due squadre che volevano far bella figura; resta il rammarico per non aver chiuso la gara quando eravamo in vantaggio, mancando diverse occasioni, ma raccogliamo un punto importante su un campo molto difficile.”

Protagonista in positivo anche il centrale difensivo della Lucchese, Lollini, uno dei migliori dell’undici toscano: “è stata una partita maschia,” conferma il difensore in sala stampa, “eravamo venuti qui per vincere ma anche il pareggio è importante; sapevamo che la Nocerina sarebbe partita forte ma noi abbiamo fatto la nostra partita.” Timide proteste sull’episodio del pari: “credo che il gol che abbiamo subito fosse in fuorigioco ma alla fine il pareggio è il risultato più giusto.”

In casa Nocerina c’è soddisfazione per il punto raccolto contro la prima della classe: “abbiamo raccolto un pareggio importante, contro la prima della classe,” dichiara il tecnico rossonero Padalino, “resta il rammarico per il gol subito: abbiamo commesso un’ingenuità perché se l’arbitro non fischia la squadra non deve fermarsi.” È piaciuta la reazione dei molossi, soprattutto dopo l’espulsione di Camorani: “la prossima volta chiedero ai ragazzi di giocare in dieci dal primo minuto,” scherza Padalino, “dispiace che ad essere espulso sia stato il calciatore più esperto del gruppo; voglio parlare col ragazzo per capire cosa è successo: di certo questo complica i piani per la prossima partita perché dovremo fare a meno di Camorani, Giuliano e Iannini.” Il tecnico rossonero chiude guardando al futuro: “la campagna acquisti ha creato grandi aspettative,” rircorda Padalino, “ma dobbiamo pensare prima a tirarci fuori dalla zona pericolosa e poi potremo guardare in alto.”

Soddisfazione moderata anche per il difensore Cuomo: “quando siamo rimasti in dieci è venuta fuori la cattivetria giusta,” dichiara il centrale molosso, “abbiamo regalato i primi venti minuti alla lucchese, il campo ci ha penalizzato ma questo non deve essere un alibi.” La squadra ha cambiato volto nella ripresa: “ci sono state due squadre, quella del primo tempo e quella della ripresa: abbiamo avuto una buona reazione, eravamo convinti di pareggiare questa partita nonostante avessimo di fronte la prima della classe.”


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it (foto: Ciro Pisani)

 

Back to top button