Ultime news

Nocerina: inizia la lunga attesa

NOCERA INFERIORE. Poche righe che infiammano la già torrida estate rossonera: il comunicato emesso in serata dalla società del presidente Giovanni Citarella, che di fatto ufficializza la domanda di ripescaggio in Prima Divisione (comunicato uff. disponibile qui), ha ulteriormente arroventato il clima in casa Nocerina. Quella che attende i tifosi molossi è un’attesa lunga e carica di speranze, che avrà termine il 4 Agosto, giorno in cui il Consiglio Federale dovrebbe pronunciarsi definitivamente sulla questione ripescaggi comunicando i nuovi organici dei campionati.

La situazione al momento è complessa; otto i posti disponibili in Prima Divisione dopo le esclusioni decise dal Consiglio, ma ingenti le risorse necessarie a presentare la domanda: si parla di 1 milione e duecentomila euro tra fideiussione ed assegni a fondo perduto da destinare ai giovani calciatori. Si era parlato anche di una possibile riduzione dei campionati, con ripescaggio di solo quattro squadre e due gironi da sedici in Prima Divisione: l’ipotesi di riforma dei campionati sembra però di difficile applicazione in un così breve lasso di tempo.

Al momento solo due squadre hanno ufficializzato la domanda di ammissione in Prima Divisione, la Nocerina e il Barletta (comunicato uff. disponibile qui). Altre tre squadre dovrebbero seguire a ruota nelle prossime ore: si tratta di Pavia, Paganese e Pisa. Dubbi ed incertezzse per tutte le altre: Siracusa e Brindisi in grossa difficoltà per racimolare i fondi necessari ad inoltrare la domanda; a Gela è in corso una raccolta fondi tra i tifosi. A Catanzaro tutto è legato alla Gicos, che dovrebbe rilevare la società e mettere a disposizione i fondi per il ripescaggio, anche se ormai la tempistica sembra troppo stretta per poter ottemperare tutti gli obblighi entro il 23 Luglio. Situazione ambigua anche a Giulianova: gli abruzzesi vorrebbero presentare la domanda di ripescaggio senza versare i quattrocentomila euro a fondo perduto.

 

Salvatore Alfano, ForzaNocerina.it (FOTO CIRO PISANI)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Back to top button