Ultime news

MODENA. A Nocera Bergodi conferma il 4-4-2. Giampà terzino?

Emergenza difesa per il Modena, che sabato prossimo al S. Francesco di Nocera affronterà la neo promossa squadra di Auteri, reduce da due sconfitte consecutive. Mister Bergodi dovrà inventare un terzino sinistro, dato che Rullo è infortunato e ne avrà per circa due mesi e Bassoli, che ha sostituito il napoletano, è stato squalificato per un turno in seguito all’espulsio – ne rimediata con il Crotone. Contro la Nocerina, nel ruolo di esterno sinistro, potrebbe giocare Giampà,che ha già ricoperto il ruolo nel Modena con la difesa a 4. Contro i campani, mancherà anche Milani,che si è infortunato con il Crotone(risentimento muscolare alla coscia).Difficile anche il recupero di Perna, anche lui bloccato da unmalanno muscolare e costretto ad uscire anzitempo dal campo. Bergodi, però, dovrebbe ritrovare sia Diagouraga, che ha scontato la squalifica, che Carini, ormai ristabilito dall’infortunio. In difesa quindi,potrebbero giocare Diagouragae Carini centrali, con Turati che tornerebbe a destra. Altri problemi a centrocampo, dato che domenica si è infortunato al ginocchio De Vitis («nel primo tempo il ginocchio ha fatto un movimento innaturale»ha spiegato il figlio d’arte) che però è rimasto stoicamente in campo finoalla fine. Anche per il centrocampo,dunque, mister Bergodi avrà i suoi problemi, soprattutto per quanto riguarda gli esterni. In mezzo dovrebbero giocare Dalla Bona e Petre, se il mister riterrà che sia in condizione, o Spezzani, con Fabinho e Gilioli sugli esterni, visto che Giampà potrebbe finire per fare il terzino. In attacco la coppia Bernacci-Greco dovrebbe essere riconfermata.

Tra oggi e domani mister Bergodi dovrebbe avere a disposizione anche il neo acquisto Nardini (si attende solo la firma) ma difficilmente il fiumalbino sarà pronto per Nocera. Quello che è certo, invece, è il modulo, che dovrebbe essere ancora il 4-4-2: dopo il primo esperimento effettuato domenica scorsa, mister Bergodi sembra intenzionato ad andare avanti con il nuovo sistema di gioco.

 

Andrea Rughetti, L’Informazione di Modena

Back to top button