Ultime news

Finale di campionato infuocato

Terz’ultima giornata di campionato in Seconda Divisione. Nel girone B, quello che vede impegnato i molossi, giochi quasi fatti in testa alla classifica ma ancora apertissimi per quanto riguarda la zona play-off, quella in cui molte squadre vorrebbero restare o magari approdare, e quella play-out, che invece tutte vorrebbero evitare. C’è da attendersi quindi un finale di campionato infuocato, dove con ogni probabilità i verdetti definitivi si conosceranno solo al termine della trentaquattresima ed ultima giornata. L’unica a poter dormire sonni tranquilli è la Lucchese, alla quale ormai manca soltanto un punto per la matematica promozione in Prima Divisione, che i rossoneri toscani sono pronti a riconquistare dopo soli due anni nonostante il fallimento che li ha costretti a ripartire, la scorsa stagione, dalla serie D. Promozione che la squadra di mister Favarin, reduce dal successo interno dell’ultima giornata contro il Prato, potrebbe conquistare già domenica in casa della Carrarese, battuta per 3-1 la scorsa settimana dalla Nocerina. Al “San Francesco” i canarini hanno con ogni probabilità detto addio alle chance di salvezza diretta, a tre giornate dalla fine sono infatti sei le lunghezze di distacco dalla Sacilese quint’ultima, tuttavia un’impresa contro la capolista potrebbe permettere ai romagnoli di continuare a sperare, visto che la squadra guidata dall’ex molosso Agostini sarà impegnato sul difficile campo del Fano terzo in classifica. Il San Marino invece, sconfitto a sorpresa domenica scorsa proprio dalla Sacilese, riceverà in casa la Colligiana, tornata nuovamente ultima dopo l’inatteso ko interno contro una Sangiustese già salva e complice la contemporanea vittoria esterna del Poggibonsi a Bellaria. Romagnoli che faranno vista proprio alla Sangiustese, mentre i toscani guidati da un altro ex rossonero, Firicano, che domenica prossima tornerà nuovamente al “San Francesco”, affronteranno in casa l’Itala San Marco, che dopo l’ultimo pareggio interno con il Celano ha ormai abbandonato eventuali sogni di gloria relativi ad un posto in zona play-off, ora distante sei punti. Chi invece i play-off vuole riconquistarli è il Prato, reduce da due sconfitte esterne consecutive, che non può fallire il derby casalingo con la Sangiovannese, in serie positiva da ben dieci giornate che hanno permesso ai toscani di raggiungere perfino la quarta posizione, con due lunghezze di vantaggio sui cugini rivali di domenica, sesti. Al quinto posto si è invece insediato, dopo la vittoria sul Fano della scorsa settimana, il Bassano, una delle squadre che ha fatto più punti in questo girone di ritorno e che domenica sarà di scena a Celano contro la locale compagine abruzzese, avversario non facile per i veneti se si pensa che la squadra dell’ex attaccante rossonero Falomi necessita almeno di un altro paio di punti da qui al termine della stagione per salvarsi direttamente. Rischia seriamente di perdere i play-off anche il Gubbio, scivolato insieme al Prato in sesta posizione dopo gli ultimi due pareggi consecutivi. Umbri che domenica saranno impegnati in casa della Giacomense, altra squadra protagonista di un buon girone di ritorno che l’ha tirata fuori dalla sabbie mobili della classifica e che ora vuole completare l’opera evitando i play-out, distanti attualmente una sola lunghezza. Gli egubini allenati da mister Torrente però, dopo il mezzo passo falso casalingo dell’ultima giornata contro la Pro Vasto, non possono più fallire. Completa il quadro di questa trentunesima giornata la sfida in programma allo stadio “Aragona” di Vasto tra i locali e la Nocerina, uno scontro salvezza che si preannuncia infuocato con le due squadre che vogliono entrambe mantenere la categoria senza passare per lo spettro dei play-out e distanti dalla quint’ultima posizione rispettivamente uno e due punti. Una vittoria consentirebbe ad entrambe di mettere una seria ipoteca sull’obiettivo, ai rossoneri però anche un pareggio potrebbe andar bene a patto però di battere il Poggibonsi in casa domenica prossima.


Alfonso Cuomo, ForzaNocerina.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Back to top button