Ultime news

La Nocerina si sente promossa. E per l’attacco prenota Mazzeo

 NOCERA INFERIORE. Otto anni trascorsi dentro quel futuro che sembrava non arrivasse mai. E invece quel futuro è arrivato. Nocerina ormai in Prima Divisione. Mario Macalli, presidente di Lega, al telefono: «Il Giulianova? Non mi risulta che abbia presentato fideiussioni». E quindi otto posti per otto squadre, senza andare tanto per il sottile con la graduatoria.
Il Giulianova avrebbe presentato soltanto documentazioni di richiesta di garanzia bancaria, senza firma alcuna, e avrebbe aggiunto un bonifico al posto dell’assegno circolare per i soldi a fondo perduto. Otto bastano, di nuovo terza serie rossonera, dopo otto anni. Passaggio di consegne tra due societá, persino programmato: l’ 11 agosto a Nocera amichevole tra il Sorrento di Mario Gambardella, l’ultimo patron versione terza serie, e la Nocerina di Giovanni Citarella, magari anticipo di un derby di campionato (dipenderá dal criterio usato per i gironi).
Citarella è giá pronto a nuovi e robusti interventi d’organico. Mandato ampio a Ivano Pastore per chiudere alcune trattative. Novitá in porta: chiesto alla Sampdoria il prestito del portiere ’90 Vincenzo Fiorillo, star di tutte le Nazionali giovanili fino ad un annetto fa: accetterebbe il trasferimento per il semplice fatto di essere originario delle nostre zone, è questo il vantaggio accumulato dalla Nocerina rispetto ad altre realtá dello stesso campionato che l’han richiesto ai blucerchiati.
In difesa si cercherá di stringere i tempi per Gabriel Raimondi e nello stesso tempo si tenterá di accontentare in pieno Auteri prendendo pure Roberto Di Maio dal Catanzaro. A centrocampo, coppia giá vista all’opera a Benevento: oltre ad Enzo De Liguori potrebbe arrivare il trentenne argentino Maximiliano Cejas, situazione che farebbe slittare in secondo piano la trattativa con Alessandro Bruno, elemento in ogni caso sempre seguito ed apprezzato.
E in attacco? Gigi Castaldo in pole position per la maglia da centravanti. Ma non va escluso il colpo a sorpresa, forse aggiuntivo: riportare a Nocera quel Fabio Mazzeo che ha assaggiato la B a Frosinone.
Piani di mercato, pieni d’entusiasmo. Roba quest’ultima che Citarella ha giá chiesto pure alla cittá: «E’ stato e si fará ancora un grosso sforzo. Nocera si appresta a tornare su una ribalta calcistica di tutto prestigio. Mi aspetto una bella risposta, sono sicuro che arriverá». Entusiasmo del patron che si vede dalle piccole cose: suoi operai sempre al lavoro per rendere il San Francesco, tra spogliatoi e dintorni, all’altezza della nuova situazione. Il 4 agosto tutto diverrá ufficiale. Però la Nocerina, in pratica, è tornata al futuro. Ora si chiama Prima Divisione ma per tutti resta la C1.


fonte: Marco Mattiello, La Città

Back to top button