Ultime news

Il prossimo avversario: AS BARI

UN PO’ DI STORIA. L’Associazione Sportiva Bari nasce nel 1928, grazie alla fusione dell’ F. C. Bari e dell’Ideale, due squadre nate una decina di anni prima. I colori sociali sono il bianco e il rosso. Il simbolo che lo rappresenta è il gallo.

La prima stagione in serie A dei pugliesi risale al campionato 1931-32. Nel dopo guerra il Bari si rende protagonista di un paio di stagioni ad alto livello, seguite, però, da una profonda crisi di risultati che fanno sprofondare la squadra fino alle quarta serie. Nel 1961 diventa Presidente il Professor Angelo De Palo. I galletti pugliesi, dopo essere riusciti a risalire dalla quarta serie, non riescono a essere costanti nei risultati e alternano momenti di grandi vittorie a retrocessioni dolorose. Nel 1981 il Bari conquista la Coppa Italia Primavera, battendo in finale i pari età del Milan per due reti a zero. A capo della società c’è Antonio Matarrese. La stagione seguente è una delle più belle per i bianco rossi che, grazie ai giovani della Primavera, riesce ad infiammare il pubblico e a ottenere il terzo posto in serie B. La massima serie, però, sfugge per soli due punti.

Nel 1990 arriva anche il primo trofeo: la Mitropa Cup, vinta in turno secco contro il Genoa. Ottimo, in quella stagione, anche il decimo posto conquistato in massima serie.  Gli anni novanta sono piuttosto positivi per i pugliesi, nonostante le due retrocessioni in cadetteria (1991-92; 1995-96). Proprio nell’anno dell’ultima retrocessione i galletti stabiliscono un record negativo: quello di essere ultimi in classifica avendo in squadra il capocannoniere del campionato (Igor Protti con 24 reti).

Negli anni successivi i galletti faticano non poco a conquistare nuovamente la massima serie, riuscendoci solo nella stagione 2008-2009. La soddisfazione dura, però, solo due anni. Nella scorsa stagione i pugliesi chiudono ultimi e retrocedono nuovamente in serie B.

LO STADIO. Lo stadio che ospita le gare casalinghe del Bari è il “San Nicola”, che ha una capacità di 58.270 posti a sedere. Viene costruito nel 1989-1990 dall’architetto genovese Renzo Piano. L’impianto sportivo ospita numerose gare del Mondiale del 1990 e nel 1991 la finale della Coppa Campioni tra Stella Rossa Belgrado e l’Olympique Marsiglia.

I PRECEDENTI. I precedenti tra Bari e Nocerina arridono ai pugliesi, che hanno vinto quattro delle otto sfide tra le due squadre. Tre vittorie per i molossi e un solo pareggio. Nell’ultimo incontro in terra pugliese vittoria del Bari per due a zero (campionato 1974-1975 serie C).

IL BARI OGGI. I galletti in questa stagione hanno l’obiettivo di riconquistare la massima serie e hanno affidato la panchina a Vincenzo Torrente, protagonista della promozione in serie B del Gubbio nella scorsa stagione. Nonostante gli arrivi di Bogliacino, De Paula e Forestieri la classifica è piuttosto deficitaria; dopo quattro giornate, infatti,il Bari ha solo quattro punti, frutto di una vittoria, un pareggio e due sconfitte.

Il modulo che abitualmente utilizza Torrente è il 4-3-3. Il portiere titolare è Eugenio Lamanna, protagonista nella scorsa stagione con il Gubbio allenato proprio dall’attuale tecnico del Bari. In difesa spazio a Borghese, Clayton, Crescenzi e Garofalo, con Masi e Sini pronti a subentrare. A centrocampo il perno centrale è il capitano Massimo Donati. Ai suoi lati agiscono Bogliacino e Kopunek. Altri due elementi di sicuro affidamento sono De Falco e Rivaldo. Il tridente offensivo è guidato da Alessandro Marotta. Accanto a lui Forestieri e Caputo, con De Paula e Defendi pronti a supportare in caso di necessità.

Per la sfida contro la Nocerina Torrente recupera Crescenzi che sarà regolarmente in campo.

Contro la Nocerina dovrebbe giocare questo Bari: Lamanna; Crescenzi, Borghese, Clayton, Garofalo; De Falco, Donati, Bogliacino; De Paula, Marotta, Forestieri. Anche se Torrente ha ancora qualche dubbio sulla composizione dell’attacco. Più Defendi che Marotta al momento, con De Paula centravanti, alla rifinitura di domani l’ardua sentenza.

 

Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it

Back to top button