A caccia del poker. La Lucchese prova a continuare a volare con la Nocerina

Uno, due, tre, quattro. Contare sino a quattro, per il momento. E’ quello che si augura la Lucchese per domani, ovvero riuscire ad inanellare la quarta vittoria consecutiva che la proietterebbe davvero in alto, dando un segnale forte al campionato. Anche in considerazione degli scontri esterni che impegneranno duramente le due rivali sulla carta più accreditate, cioè Bassano e Gubbio.

Per i rossoneri, quello con la Nocerina, è un match che sa di controprova: dopo i tre successi consecutivi, ecco un’avversaria di spessore decisamente più robusto, molto di più di quanto dica la classifica. Del resto basta leggersi le cronache dei due match casalinghi dei campani, per rendersi conto che i punti raccolti sono stati meno di quelli meritati. Un motivo in più per salire a Lucca con il dente avvelenato, ma anche con una classifica, due punti, che inizia a farsi preoccupante e che dopo domenica, in caso di nuovo stop, potrebbe relegare davvero la Nocerina nei bassifondi.

La squadra di Matteo Pastore vanta alcune individualità comunque di spicco, a partire dal duo di attacco Palumbo-Iannelli a cui la difesa rossonera dovrà prestare particolare attenzione, come sottolinea mister Favarin: “Dovremo stare attenti sulle loro ripartenze e fare una gara perfetta. Per noi vincere vorrebbe dire, con le altre fuori casa, provare a allungare e mettere la nostra impronta sul campionato”.

La Lucchese, parola di Favarin, riproporrà la formazione vittoriosa di Bellaria. E del resto squadra che vince non si cambia. Via libera dunque a Lenzi, Baldanzeddu, Lollini, Bova, Mariotti, Chadi, Kras, Michelotti, Biggi, Scandurra e Galli. Il via è per le ore 15 ed è prevista una buona cornice di pubblico nonostante la festa di Santa Croce che vede coinvolgere tutta la città e non solo. Mancheranno purtroppo i tifosi da Nocera, ma non per colpa loro, piuttosto dell’ennesimo divieto a senso unico.

 

Francesco Cuomo, ForzaNocerina.it