GELBISON, MARTINO: “Vincere contro la Nocerina per continuare a stupire”

GELBISON, MARTINO: "Vincere contro la Nocerina per continuare a stupire"

È la vera e propria sorpresa di questo avvio di stagione l’inviolabile Gelbison del presidente Puglisi. Zero reti subite, un gioco spumeggiante ed una classifica davvero intrigante proiettano i cilentani verso ben altri lidi del girone. Frena però gli entusiasmi il tecnico Alessio Martino: “Siamo una squadra giovane e ben assortita, che ha trovato una buona intesa sin da subito – commenta – é questo il nostro punto di forza. Ciò però non deve farci deviare dall’obiettivo stagionale che ci siamo prefissati, che è e resta la salvezza. In questo torneo ci sono varie corazzate, oltre che tante squadre di spessore. Guai ad avere cali di tensione”.

LO “ZEMANIANO”. Esordio in D scoppiettante per il trainer rossoblu che, al netto dell’età, è reduce da una lunga gavetta: “Alba Sannio ed Eclanese hanno rappresentato i miei due trienni di crescita. Ho deciso di appendere presto le scarpette al chiodo a causa di svariati problemi fisici e dedicarmi, per gioco, ad allenare, applicando ciò che negli anni ho imparato sul campo – dichiara – I risultati sono stati sempre ottimi, rispetto allo scetticismo e alle aspettative iniziali, ed ho piano piano scalato i gradini dei diversi tornei regionali, vincendone anche vari. Ho il solo rimpianto di non essere però arrivato in D dopo aver trionfato anche in Eccellenza”. Come descriverebbe la sua squadra? “Giovane e sbarazzina, che ama giocare palla a terra alla costante ricerca della profondità, e che al tempo stesso cerca di mantenere il pallino del gioco il più lontano possibile dalla propria area – ammette – mi hanno definito uno Zemaniano, pur avendo da sempre subito poche reti. Credo, in realtà, che la migliore arma di difesa sia l’attacco. Ciò non fa di me un integralista, ma di volta in volta provo a cucire addosso alle mie squadre l’abito migliore”.

L’AVVERSARIO. Di fronte, invece, la Gelbison si ritroverà una Nocerina dalla opposta mentalità, compatta ed arroccata in difesa, pronta a ripartire in contropiede: “Bisogna fare attenzione a questo tipo di squadre, a maggior ragione se allenate da un tecnico di comprovata esperienza come Di Costanzo – prosegue – Sarà emozionante stringergli la mano, così come lo sarà quello di incontrare i rossoneri.  È un girone di ferro, questo, ma altrettanto stimolante. Auguro loro, come a noi stessi, di raggiungere quanto prima la salvezza”.

Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it