Ultime news

Nocerina, la rivincita di Citarella

NOCERA INFERIORE. Il giorno più corto: oggi, col ripescaggio. Non sará lungo, meglio smitizzare. La Prima Divisione è certa, l’unico punto interrogativo riguarda il girone. E sará il giorno di Citarella, patron che avrá la possibilitá di festeggiare assieme ai tifosi il regalo che il centenario meritava. In due estati, dalla D alla Prima Divisione, in maniera atipica. Per anni non succede niente.
Poi succede tutto. Estate scorsa: la Nocerina vince i playoff di serie D. Non viene ripescata: accolta in Seconda Divisione come vincente aggiuntiva, secondo quanto espresso dalla Corte di Giustizia Federale: “…quando la legge non distingue, nemmeno noi possiamo farlo; ma quando la legge distingue, anche noi dobbiamo farlo”. Chiusura del tandem con Peppe De Marinis, ex patron da ricordare per il coraggio avuto in momenti complicati (ritrovandosi al suo fianco Giovanni Grimaldi, dirigente da massimo dei voti). Da solo, Citarella affronta la Seconda Divisione: squadra senza ambizioni, rafforzata senza risultati. Tanti errori. Tredicesimo posto, evitando i playout solo per i punti a tavolino con la Giacomense.
Giorni nostri: sfida rilanciata, grazie a notevole forza finanziaria. Citarella ci crede, valuta, investe. Viene premiato. Non si tratta di fortuna ma di determinazione, voglia di puntare in alto: chissá se i contestatori di una brutta domenica a S. Antonio Abate, storia di una primavera fa, saranno in prima fila ad applaudire. I primi otto o nove posti di Prima Divisione, in caso di riforma immediata, potrebbero addirittura valere la serie B, completando la parabola ascendente. Mercato: oggi col gruppo dovrebbe esserci il centrocampista Bruno (Catanzaro). Doppia svolta in arrivo in difesa con Di Maio (Catanzaro) e Cattaneo (ex Benevento). Restano ad allenarsi Sardo e Maraucci, in attesa di contratto.

fonte: Marco Mattiello, LA CITTA’ (FOTO CIRO PISANI)

Back to top button