Ultime news

Rossi allunga la ‘coperta’ in retroguardia

CAVA DE’ TIRRENI. Per la difficile sfida del “San Francesco” mister Rossi potrebbe optare per alcune lievi, ma significative modifiche sia tattiche che di uomini. Infatti gli aquilotti quest’oggi dovrebbero scendere in campo affidandosi al 4-3-3 per rendere la difesa più coperta.
Per quanto riguarda gli uomini da utilizzare, invece, mister Rossi, a causa anche della squalifica del giovane Quadrini, ha diversi dubbi da sciogliere sia in difesa che a centrocampo dove potrebbero “esordire” dal primo minuto o il giovane ’89 Pepe o l’ultimo arrivato, l’argentino Zampa, anch’egli classe ’89. In alternativa invece potrebbe essere schierato l’altro ’89 Mark Orosz. In attacco Rossi non dovrebbe apportare alcuna modifica riconfermando a pieno il trio Sifonetti-Bernardo-Schetter. In difesa invece si potrebbe registrare il ritorno, almeno in panchina, della bandiera biancoblù Gigi Cipriani, che si sta riprendendo dall’infortunio subito al termine della stagione scorsa, ma è ancora ben lontano dall’aver ritrovato la forma migliore. Infine non è da escludere l’ipotesi di un avvicendamento tra i pale tra l’esperto Botticella ed il giovane classe ’89 Pane. la rodato. «E’ inutile nascondersi – ha spiegato il dg Maglione – qquesto inizio di campionato sará difficile per noi, perché siamo partiti in ritardo».


«Favoriti i padroni di casa ma in una gara del genere può succedere di tutto»

CAVA DE’ TIRRENI. Rino Santin e Roberto Chiancone. Due bandiere della Cavese e della Nocerina legate da un doppio filo ai colori biancoblù e rossoneri: entrambi sono stati prima calciatori poi allenatori delle rispettive squadre: “giocano” in anticipo il derby di questo pomeriggio al San Francesco.
«Non nascondo che vivrò questo derby con un po’ d’invidia – afferma mister Chiancone – poiché l’ho vissuto da calciatori e avrei voluto viverlo anche da allenatore. In questo momento sicuramente è la Nocerina ad essere favorita per diversi fattori. A partire dalla condizione fisica passando per quella tattica. La Cavese invece è partita in ritardo e non è completa.. Però è un derby e come tale può sempre riservare qualche sorpresa».
Dello stesso avviso è anche mister Rino Santin, attuale presidente onorario dell’associazione “Sogno Cavese”. «E’ chiaro che si affrontano due squadre che stanno vivendo un momento completamente diverso. La Nocerina ha il morale altissimo, mentre la Cavese è reduce da una sconfitta e in netto ritardo. Però nonostante siano palesi le difficoltá incontrate dagli aquilotti, è un derby e va affrontato con la giusta carica. Poi tutto può succedere».


fonte: Andrea De Caro, La Città

 

Back to top button