Ultime news

“COMITATO PER LA SALVEZZA”: la riunione slitta a mercoledì

Tutto rinviato a Mercoledì; era prevista per oggi la riunione del Comitato per la Salvezza della Nocerina ma l’incontro è slittato di due giorni. Motivazioni varie alla base del rinvio: quella principale sarebbe la presenza di un imprenditore intenzionato a rilevare la società rossonera che dovrebbe essere presente proprio nella nuova data stabilita. Una data simbolica perché il giorno dopo la Nocerina sarà ufficialmente estromessa dal campionato di Prima Divisione: un’estromissione momentanea, si spera, perché ci sarà il tempo fino al 16 Luglio per presentare ricorso, corredato ovviamente dalla necessaria fideiussione di seicentomila euro.

Intanto è saltata definitivamente la pista che portava a Lombardi: divergenza di natura tecnica ed economica fra i due imprenditori che pure erano stati in contatto nella giornata di Sabato; Lombardi a fronte dell’impegno economico avrebbe voluto incidere anche sull’aspetto organizzativo della nuova compagine societaria ma non c’è stata intesa sulle modalità di conduzione della società. Il fallimento della trattativa avrebbe indotto anche l’ordine dei commercialisti, che si era impegnato proprio a contattare Lombardi, a fare un passo indietro dalla complessa situazione rossonera.

Intanto anche il sindaco Manlio Torquato è intervenuto nella giornata di oggi: “fino ad oggi ci sono state troppe chiacchiere,” ha precisato il primo cittadino di Nocera Inferiore ai microfoni di Telenuova, “se ci sono degli imprenditori che vogliono dare una mano o che vogliono acquisire quote ben vengano ma non tocca al comune trattare; il comune non fa trattative, tanto meno per una società privata: non esiste una procura a vendere gli eventuali acquirenti devono parlare con il presidente Citarella e con i suoi legali.” Ed il primo cittadino ha poi rincarato la dose: “non si è capito cosa fosse questo incarico,” ha proseguito Torquato, “mentre chiedeva aiuto a me il presidente Citarella andava a colloquio con il collega Montalbano che nemmeno per cortesia istituzionale ha ritenuto opportuno avvisarmi; tra l’altro il presidente mi aveva comunque detto che se ci fossero stati imprenditori interessati avrebbero dovuto consultare i suoi avvocati ed il suo entourage, prendendo visione dei libri contabili che sono rimasti sempre nelle sue mani.” 


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it

Back to top button