Ultime news

[LIVE SALA STAMPA] FONTANA: ”Daremo l’anima per questa maglia”

Ore 9.20: A breve ci collegheremo in diretta dalla Sala Stampa dello Stadio San Francesco per la conferenza stampa di presentazione del nuovo quadro societario. (Sarà disponibile l’aggiornamento anche on-line su Twitter all’indirizzo @ForzaNocerina)

 

Ore 10.03: Parla il nuovo addetto alle comunicazioni Giuseppe Mandarino:

 

“Possiamo finalmente annunciare alle due città che la Nocerina è iscritta al prossimo torneo di Lega Pro. Ieri il consiglio direttivo della Lega Pro ha preso atto del ricorso della società rossonera. Questo obiettivo, che fino ad una settimana fa sembrava irrealizzabile, è stato raggiunto da un comitato formato da imprenditori nocerini, insieme alla famiglia Citarella, che hanno trovato una sinergia per la città. Con soddisfazione ho rilevato che le amministrazioni delle due Nocera hanno manifestato interesse alla vicenda, non facendo mancare il proprio apporto. Il progetto si pone come obiettivo di portare la Nocerina lì dove le compete”

 

Ore 10.05: Segue il Presidente Gino Benevento:

“Mi corre l’obbligo di ringraziare tutti i componenti del comitato, che mi hanno scelto come presidente di questa grandissima società che è la Nocerina. Tutti abbiamo vissuto due mesi tremendi, e molti di noi erano scettici sulla reale consistenza dei problemi. Credo che il comunicato di domenica scorsa sia stato la scossa che ha dato a questa città affinchè tutti capissero che non si stava scherzando. Se la Nocerina fosse scomparsa sarebbe stato un dolore immenso per un popolo orgoglioso, passionale, competente, ma fortunatamente ciò non è successo, grazie a questi amici che sono accorsi in nostro aiuto.”


“Noi siamo ancora qua, e a giorni metteremo palla al centro. Questo nessuno lo deve dimenticare. Nocera ha un piccolo difetto, cioè che le stesse persone che fino a qualche giorno prima venivano applaudite, vengono poi criticate. Le critiche, se costruttive le accettiamo, altrimenti no.”

 

“Il primo anno sarà transitorio, con una squadra che cercherà di dare soddisfazioni alla città. La scelta di Pavarese e di Fontana è in questo senso. Chiunque vestirà la maglia rossonera dovrà avere stimoli importanti, perchè questa è una piazza importante. Noi abbiamo sempre bisogno del vostro sostegno, perchè siete stati sempre il nostro dodicesimo uomo in campo. Se ciò sarà garantito potremo toglierci grandi soddisfazioni.”

 

Ore 10.11: Passa la parola al nuovo DG Pavarese:

 

“Non nascondo un po’ di emozione, nonostante sia un tipo molto navigato. Arrivando al campo ho visto tanta gente, e questo mi ha inorgoglito e mi ha responsabilizzato nell’allestire una squadra degna di questa città, degna della tifoseria. Non posso che ringraziare il mio amico Mariano Grimaldi per avermi proposto al Comitato, e ringrazio il Comitato per aver accettato.”


“Sono molto motivato, sono determinato, e il presidente Benevento mi ha chiesto di far sì che arrivasse gente motivata, gente che ha fame, che dovrà avere i nostri stessi sentimenti, che dovrà rappresentare tutti noi. Nocera è un banco di prova importante, quello che posso assicurarvi è che io sono l’unico responsabile qualora le cose non dovessero andare bene.”


“La scelta di Fontana è dettata dal fatto che è un allenatore giovane, emergente. Mi si dirà che non ha esperienza, ma io sono convinto che diventerà un buon allenatore. Io lo ricordo quando era giocatore, ed è come se fosse stato allenatore in campo. Fontana non è stato un mio calciatore, anche se l’ho inseguito spesso. Mi auguro che possiamo dare tante soddisfazioni a questa città.”

 

Ore 10.17: Ecco Gaetano Fontana:


“Non amo fare giri di parole, amo molto esprimermi sul campo. La mia carriera calcistica è iniziata a 30 anni, quando tutti mi davano per finito, ho puntato alla Serie A e l’ho ottenuta sul campo. Appena mi è stata prospettata la possibilità di arrivare a Nocera ho subito accettato, senza conoscere nemmeno il compenso.”


“Siamo qua per lavorare, per lottare tutti insieme per un unico obiettivo, che è quello di ricostruire. La situazione attuale è che verranno si giocatori motivati, che lotteranno per questa squadra, per questa città. Bisogna avere pazienza, per dare possibilità a tutti di crescere. Le chiacchiere finiscono ad oggi, perchè la cosa importante, come dicevo, è il campo. Qualsiasi tipo di illazioni o altro, che apparengono al sottoscritto, inerenti al passato, presente e futuro, dovranno avere solo riscontro esclusivamente sul campo.”


“Credo tantissimo nell’addestramento quotidiano, e tutto il resto non farà parte della mia filosofia. Ad oggi sono un allenatore inesperto della categoria, ma la mia voglia, la mia passione, i miei studi, i miei desideri sono quelli di fare bene e di crescere insieme a voi. Questo è il mio biglietto da visita.”


“L’abbraccio con il Direttore è stato un punto di partenza per entrambi, ma per tutti, dopo un’estate travagliata, per poter creare un futuro decisamente migliore. Non sono parole di circostanza, ripeto, perchè per me è importante davvero. Da parte mia avrete la massima collaborazione su tutto quello che può intercorrere nel nostro tipo di rapporto, ma alla condizione che ci sia il massimo rispetto. Se c’è qualcuno che vuole fare l’allenatore mi alzo e me ne vado, lasciandogli il posto.”


La palla passa alle domande dei giornalisti:

 

Pavarese: “E’ chiaro che da questo momento sono il responsabile. se dovessimo ritenere che Mariano Grimaldi abbia qualche calciatore che potrebbe interessarci, non ci tireremo indietro. Riteniamo che Gragnaniello possa essere un giocatore importante, che possa aiutarci tra i pali. Ci siamo cautelati con un giocatore di comprovata esperienza, che ha rifiutato altre proposte ed ha accettato di venire a Nocera con grande spirito di sacrificio. Mi auguro che possa venire qualche altro giocatore che prenda spunto da lui.”

 

Pavarese: “I calciatori che sceglieremo dovranno comunque soddisfare i criteri economici di questa società. Per far parte di questo gruppo dovranno dimostrare un gesto di riconoscimento verso questa società e verso queste persone che tanto hanno fatto per consentire a Nocera di continuare ad avere il calcio.”

 

Pavarese: “Io ho firmato un contratto annuale, perchè sono solito firmare contratti di stagione in stagione. Sono motivato per restare il più a lungo possibile, quindi per convincere il presidente e il comitato a rinnovare la fiducia. Non essendoci retrocessioni possiamo con una certa tranquillità cominciare ad impostare un certo tipo di lavoro partendo dai giovani. E’ nostra intenzione, nel giro di questa programmazione, comunque vincere. Noi chiediamo il vostro supporto anche e soprattutto nei momenti di buio.”

 

Pavarese: “Io ho avuto la fortuna di cominciare molto presto nel mondo del calcio, Ho lavorato con tante persone di un certo livello nel calcio. E’ chiaro che da tutte queste persone ho fatto tesoro di questa esperienza più che trentennale.”

 

Pavarese: “Lunedì cominceremo con le visite mediche, mentre mercoledì partiremo con gli allenamenti. Contiamo nel giro di quindici giorni di allestire la squadra, per poi riservarci qualche casella libera a fine mercato. Abbiamo ritenuto opportuno promuovere Miccio come secondo al fianco di Fontana, visti gli ottimi risultati conseguiti a livello giovanile.”


Pavarese: “Ussia fa parte dello staff della Nocera ed avrà il ruolo che merita, e sarà un punto di riferimento anche per me, essendo un pozzo di conoscenza. Non abbiamo avuto ancora modo di parlare del settore giovanile, ma punteremo molto al nostro prodotto interno. Se ci sarà la possibilità di fare miglioramenti anche nel settore giovanile lo faremo.”

 

Pavarese: “Questi primi giorni valuteremo se determinati tesserati possano far parte della rosa, o se sia necessario mandarli a fare le ossa nel campionato dilettanti.”

 

Pavarese: “Se parliamo di elementi di prima fascia siamo in ritardo. Valuteremo in base alle disponibilità delle società maggiori di concederci qualche giocatore. A scatola chiusa non sono abituato a prendere nulla, perchè devo conoscere il calciatore.”

 

Pavarese: “Ci faremo trovare pronti per l’appuntamento con la Coppa Italia. Ovviamente giocheremo in 11.”

 

Fontana: “E’ stato quando io e Di Livio ci siamo conosciuti. Quando ci presentammo lui mi affibbiò il soprannome “Jimmy”. Non mi aspettavo che ottenesse tutto questo successo (ride ndr)”.

 

Fontana: “Non ho mai visto un pubblico che trascina la squadra se il sentimento non partisse dal campo. Ci sarà qualche critico che punterà il dito, perchè è insito nella natura umana cercare il pelo nell’uovo. Mi auguro che ci sia un’unione di intenti, ma lo sforzo maggiore lo deve fare la società, la squadra e l’allenatore. Non abbiamo quasi nulla, partiamo da zero, ma faremo di tutto per allestire una squadra che possa far felici tutti voi, soprattutto se esprime un sentimento.”

 

Fontana: “Io ho iniziato la mia carriera a 30 anni e l’ho finita a 37. Se non c’è volontà di sudare non si va da nessuna parte”

 

Fontana: “La cosa che mi preme di più trasferire è la forte motivazione. La palla parla, al di là di moduli e caratteristiche. Ho vinto in altre squadre dove non c’era nessuno più forte dell’altro, ma eravamo uniti e compatti.”

 

Fontana: “Mi piacerebbe che le mie squadre giocassero a calcio. Per vincere le partite è necessario vedere la porta avversaria.”

 

Al termine è stato comunicato il nome del nuovo addetto stampa nella persona di Ettore Verrillo.

 

redazione ForzaNocerina.it

Back to top button