Ultime news

La Nocerina si tuffa su Bernardo

NOCERA INFERIORE. Distinguersi dalla massa, distinguersi dall’ordinaria routine di Lega Pro. Nocerina verso una scelta precisa, quasi certa: non osservare le regole. Attenzione, non le regole particolari. Quelle aggiuntive, quelle sui giovani. Si va verso la rinuncia al contributo di Lega, che prevede quattrini per chi fa giocare in Prima Divisione almeno due under 21 ed in Seconda almeno tre. Citarella, Pastore e Auteri sono dell’opinione di non essere vincolati a scelte in base alla carta d’identitá per varare una squadra ambiziosa. Ed è stato fatto pure un ragionamento economico: prendere un blocco di under 21 validi per adeguarsi alle regole e restare competitivi potrebbe persino costare di più. E’ l’orientamento emerso dopo gli ultimi colloqui. La conferma dovrebbe esserci a breve. E’ il momento di mercato? Sembra vicinissimo Catania, l’esterno d’attacco che l’anno scorso ha giocato a Potenza: trattativa quasi definita. Per Caputo, invece, c’è ancora da limare. Questione centravanti, piace parecchio Bernardo (Cavese): pronti a scommettere sulle potenzialitá attuali e su quelle ancora inespresse del siciliano. Ma non si dispera per obiettivo con esperienza e gol in più in carriera: Innocenti (Taranto) è sempre nel mirino ma per lui il problema resta non di poco conto, anzi è a cifra elevata, quella che il Taranto dovrebbe corrispondergli per buonuscita, che andrebbe parzialmente a coprire un contratto a cifre fatalmente diverse offertogli dalla Nocerina. Tempo di organizzazione per il raduno a Nocera di lunedì, per la tre giorni che precede la partenza per il ritiro marchigiano di Carpegna. Oltre alla gente sotto contratto, ci sará spazio e tempo per visionare qualcuno tra l’86 e l’88’: in prima battuta sicure le presenze di Paolo Sardo (Rosarnese), Domenico Rega (Entella Chiavari), Marco Pepe (Scafatese), Rainone (Sibilla) e del camerunense Steven Fanka (ex Ascoli). Ci sará una finestra di raduno per alcuni elementi del settore giovanile: i classe ’91 Kaiser, Majolo e Stellato; i ’92 Capasso, Di Balsamo e Persi; i ’93 Lettieri e Franza.

fonte: Marco Mattiello, La Città

Back to top button