Ultime news

Frenata in testa, Toro solo un punto col Sassuolo, Pescara sconfitto

Il quattordicesimo turno di serie B è ricco di emozioni e sorprese. Il big match tra Torino e Sassuolo si conclude sullo zero a zero, anche se lo spettacolo mostrato in campo è piuttosto discreto. Nonostante la mancata vittoria il Torino mantiene il primato, anche se si assottiglia il gap con le inseguitrici. Primo pareggio esterno per i granata. Il Sassuolo, invece, grazie a questo prezioso pareggio riesce ad agganciare il Pescara in seconda posizione. È la prima volta in stagione che la formazione emiliana non va a segno tra le mura amiche. In seconda posizione, come anticipato, il Pescara è raggiunto dal Sassuolo. Gli uomini di Zeman interrompono la loro striscia di risultati utili consecutivi che durava da sette turni, perdendo tre a uno sul campo del Livorno. L’inizio è promettente per gli abruzzesi, che passano in vantaggio con Cascione, bravo ad approfittare di una dormita della difesa amaranto. La squadra di Novellino non si abbatte e riesce subito a trovare la rete del pareggio, grazie a Paulinho, al primo squillo in campionato. L’ex attaccante del Sorrento si ripete dopo tredici minuti sfruttando al meglio un calcio di punizione. Nella ripresa la rete del definitivo tre a uno porta la firma di Barone. Seconda vittoria interna in stagione per la squadra del presidente Spinelli, ancora alla ricerca di maggiore continuità nei risultati.

A quota ventisette c’è il Padova, che non riesce ad approfittare del pareggio tra Sassuolo e Torino e della sconfitta del Pescara. Gli uomini di Dal Canto pareggiano due a due tra le mura amiche contro la Juve Stabia. Vantaggio dei veneti siglato da Cacia, al sesto gol in stagione. Pareggio della Juve Stabia messo a segno da Mbakogu, bravo a sfruttare un contropiede ben rifinito da Erpen. I padroni di casa si riportano in vantaggio con un rigore trasformato da Italiano, ma non riescono a gestire il risultato e vengono ancora rimontati dalle vespe in rete con l’ex foggiano Sau. Prima gara senza vittoria all'”Euganeo” per il Padova. La Juve Stabia continua a stupire. Senza la penalizzazione la squadra di Braglia sarebbe in lotta nelle zone nobili di classifica.

A quota venticinque c’è la Reggina, che pareggia uno a uno nel derby contro il Crotone. La formazione di Breda passa in vantaggio alla mezzora con un colpo di testa di Missiroli. Il Crotone trova il pareggio nella ripresa, grazie a Camillo Ciano. Quarto risultato utile consecutivo per la Reggina lontano dal “Granillo”. Il Crotone, invece, continua ad allontanarsi dalle zone basse della graduatoria. La squadra di Menichini non perde in casa da tre turni.

A quota ventidue c’è la Sampdoria, che sarà impegnata domani contro il Brescia. Sfida delicata per due squadre che non attraversano sicuramente un momento positivo. Nell’altro posticipo il Bari ospiterà il Verona. Test importante per determinare quale delle due formazioni potrà inserirsi prepotentemente nella lotta ai play off.

A quota venti c’è il Grosseto che batte due a uno a domicilio la Nocerina, che crolla sempre più in basso in classifica. I molossi si portano in vantaggio grazie al settimo gol in stagione di Castaldo. I rossoneri non riescono a gestire il risultato o a incrementare il bottino (Castaldo fallisce un calcio di rigore) e il Grosseto ne approfitta, trovando prima la rete del pareggio con uno splendido calcio di punizione di Mancino, poi quella della vittoria grazie a Consonni, da poco entrato in campo. Prima vittoria di Giannini sulla panchina dei maremmani, al loro primo successo esterno. Per la Nocerina seconda sconfitta consecutiva.

A diciannove punti troviamo il Varese, in compagnia del Livorno. La squadra di Maran non va oltre lo zero a zero casalingo con il Modena e perde un’ottima chance di allontanarsi definitivamente dalle zone basse di classifica. Secondo zero a zero casalingo in stagione per la formazione lombarda. Pareggio d’oro per il Modena, che sorpassa in classifica la Nocerina. La formazione di Bergodi ottiene il terzo risultato utile consecutivo in trasferta.

Con diciassette punti c’è il Cittadella, che raggiunge momentaneamente il Brescia. I veneti vincono uno a zero sul campo dell’Ascoli. A decidere la gara un calcio di rigore messo a segno da Di Roberto. Prima vittoria esterna per la squadra di Foscarini. All’Ascoli non giova nemmeno il cambio di allenatore. La squadra marchigiana ha un ritardo dalla penultima di ben tredici punti.

Nelle zone basse della classifica troviamo quattro squadre a quattordici punti. In compagnia di Juve Stabia e Modena ci sono l’Albinoleffe e il Gubbio. La squadra lombarda riesce a strappare un preziosissimo punto sul campo dell’Empoli. Zero a zero il risultato finale, al termine di una gara che i padroni di casa volevano vincere a tutti i costi per sfruttare al massimo il doppio impegno casalingo. Primo pareggio a reti inviolate in casa per la squadra di Pillon, che rimane al penultimo posto con soli dodici punti. L’Albinoleffe interrompe una striscia negativa fuori casa che durava da quattro turni.

Il Gubbio, invece, perde tre a uno contro il Vicenza. Prima sconfitta per Gigi Simoni da quando allena la squadra umbra. A decidere la gara una tripletta di Elvis Abbruscato, che vola in vetta alla classifica cannonieri con nove reti. Gol della bandiera degli eugubini messa a segno dal nuovo acquisto Graffiedi. Terza vittoria interna consecutiva per il Vicenza, che sorpassa in classifica l’Empoli.

Nel prossimo turno, che verrà giocato domenica vista la sosta del campionato di serie A, ci saranno importanti sfide sia al vertice che nelle zone basse di classifica. Tra queste spicca quella tra Pescara e Padova, che si affronteranno per stabilire quale tra le due è l’avversaria più accreditata per contendere il primato al Torino.


Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it

Back to top button